Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 21 ottobre - Aggiornato alle 15:50

Industria 4.0, da Arrone moderni macchinari per centri estetici venduti in tutta Italia

Cinque diversi apparecchi high tech griffati Aliseo, 100 mila euro investiti e nuove ambizioni: l’attività della giovane Federica

di Mar. Ros.

Lo scorso anno, col lockdown e la prolungata chiusura dei centri estetici, in una notte ripensò la produzione e col suo team di ingegneri e tecnici diede vita ad un innovativo sanificatore per ambienti. Un business che però col trascorrere dei mesi si è andato sgonfiando. Ad ogni modo, già all’inizio del 2021, Federica Bartolini, 27enne, amministratore unico della società Aliseo, che ad Arrone ha sede legale e produttiva, ha potuto affacciarsi al ritrovato mercato dell’estetica con apparecchi di ultima generazione, garantendo ai clienti i benefici fiscali di Industria 4.0 (credito d’imposta pari al 50%): «In Italia siamo una delle poche aziende nel settore, con piattaforma Industria 4.0».

Estetica Messi a punto nel biennio precedente, con un investimento di oltre 100 mila euro, cinque nuovi apparecchi di ultima generazione che sfruttano i più moderni meccanismi del rapporto uomo-macchina: laser per l’epilazione, lipo-sculpture, lipolaser, radiofrequenza e pressoterapia. Aliseo ha messo a punto un software che collega le macchine fra loro, interconnesse in rete. «L’estetista – spiega la giovane imprenditrice – può gestire comodamente da casa gli appuntamenti di quelle clienti che chiamano fuori dall’orario di lavoro, senza doversi portar dietro l’agenda del planning settimanale. Allo stesso modo, da remoto, è possibile gestire i parametri della macchina, la redditività e controllarne l’effettivo funzionamento. E inoltre è possibile, dietro emissione di fidelity card ai clienti del centro estetico, registrare le prestazioni associate a ciascuno di loro».

Aliseo benessere Sfruttando un cloud, che consente la registrazione dei dati anche se salta la connessione alla rete internet, le titolari dei centri estetici dallo smartphone possono anche controllare il magazzino e la gestione degli ordini. «Il laser a diodo per epilazione – fanno sapere da Aliseo – risponde già alle nuove norme europee (regolamento n.745/2017 che entrerà in vigore a maggio prossimo), essendo un’apparecchiatura certificata come dispositivo medico».  Alle prestazioni estetiche, nonché quelle tipiche di industria 4.0 legate al rapporto uomo-macchina, con controllo anche sul lavoro delle dipendenti dei centri che si affidano alla professionalità dell’azienda sorta ad Arrone nel 2012 che conta dieci dipendenti, Aliseo ha abbinato sistemi di sanificazione e sicurezza all’avanguardia.

Federica Bartolini Da inizio anno, avrebbe venduto già circa 30 apparecchi sia al Nord che al Sud Italia; il costo medio si aggira sui 20 mila euro e l’ottimismo viaggia così di pari passo con gli affari che la giovane Federica si sta addirittura guardando attorno per un ampliamento dell’attività: «Devo ringraziare tutto il mio team – dichiara la giovane imprenditrice – che ogni giorno lavora con passione per far crescere questa grande famiglia e che si è mostrato e si mostra a tutt’oggi carico di energia per affrontare questo particolare momento storico: Grazie ad Antonello, Paola, Adi, Florin, Diego, Jordan, Luca, Florin, Nicoleta, Elena, Simonetta e Davide».

I commenti sono chiusi.