martedì 22 ottobre - Aggiornato alle 18:13

Imprese umbre in fiere internazionali: bando riaperto ed esteso a più aziende e occasioni. Meno burocrazia

L’annuncio della Regione: «E’ uno strumento di successo per fare aprire nuove occasioni di business ai nostri imprenditori»

«Verrà riaperto l’avviso pubblico per la partecipazione delle imprese umbre a fiere internazionali per il secondo semestre 2019 e fino al primo trimestre 2020»: lo ha annunciato il presidente della Regione Umbria Fabio Paparelli. «Il bando, scaduto lo scorso 28 giugno e che si propone di rafforzare la competitività, favorire l’internazionalizzazione e la promozione dell’export, ha dimostrato di essere uno strumento efficace per favorire i percorsi di internazionalizzazione delle imprese umbre. Sono state infatti oltre 100 le domande presentate per una richiesta di contributo di circa 600 mila euro su 900 mila allocati. La riapertura del bando – ha aggiunto Paparelli – risponde anche alla richiesta avanzata dalle associazioni di categoria e dalle stesse imprese per una nuova apertura dell’avviso Fiere in considerazione del fatto che la maggior parte delle fiere del settore moda, arredo casa e agroalimentare si concentrano nei primi mesi di ogni anno e che anche la prenotazione degli spazi espositivi avviene nel semestre precedente la data della fiera».

Novità A seguito dei risultati riscontrati nella gestione dell’avviso nel nuovo bando saranno apportate delle modifiche in termini di tipologia ed entità delle agevolazioni, tipologia di fiere ammissibili e di modalità di richiesta di agevolazioni e di rendicontazioni ai sensi della normativa comunitaria così da favorire una più ampia partecipazione alle aziende che vogliono partecipare ai prossimi eventi internazionali. Per il direttore generale di Sviluppumbria, Mauro Agostini «è un importante strumento che Sviluppumbria, in qualità di organismo intermedio, ha modificato in questi ultimi quattro anni per renderlo più rispondente alle esigenze delle imprese umbre che si sono sempre più avvicinate ai mercati esteri. Ampliamento del numero delle fiere ammissibili, ampliamento delle imprese beneficiarie dei contributi, riduzione delle procedure di rendicontazione dei progetti sono tutti elementi che renderanno ancora più interessante il nuovo avviso che in fase di predisposizione e che sarà pubblicato entro il mese di luglio».

 

I commenti sono chiusi.