venerdì 22 febbraio - Aggiornato alle 14:08

Frecciarossa a Orte, il 21 nuovo incontro ma la trattativa è difficile: «Trenitalia è molto ferma»

A Terni audizione dell’assessore regionale Chianella: «Possiamo sollecitare l’azienda, non violentarla. Altre ipotesi sul tavolo»

frecciarossa trenitalia umbria perugia
Un treno Frecciarossa

di D.B.

Da una parte ci sono le esigenze e le richieste dei territori, dall’altra le valutazioni di Trenitalia che, per quanto riguarda i treni a mercato come le Frecce, sono puramente commerciali. È in questo quadro che si inserisce la difficile trattativa per portare un Frecciarossa a Orte, della quale è tornato a parlare giovedì a Terni l’assessore regionale Giuseppe Chianella nel corso di una audizione in Prima commissione. Per il 21 febbraio, su sollecitazione dell’assessore, è prevista una nuova riunione, a Roma, tra le Regioni Lazio e Umbria e Trenitalia ed è in quella sede che si potrà capire se l’ipotesi Orte è percorribile oppure no. Palazzo Donini dopo l’arretramento del Frecciarossa a Perugia e il ritorno del Frecciabianca a Spoleto punta a dare risposte al Ternano ma gli ostacoli di sicuro non mancano.

LA TRATTATIVA REGIONE-TRENITALIA

Chianella «Un Frecciarossa che parte a Roma intercettando tra le 400 e le 600 persone, se esce a Orte perde 25 minuti. La loro preoccupazione – ha detto Chianella – è che la concorrenza rubi il bacino insoddisfatto. Noi riteniamo che la popolazione del Viterbese, Reatino e Ternano unita raggiungerebbe circa 700-800 mila abitanti, i quali potrebbero bilanciare la perdita dell’utenza di Roma». Il problema, oltre al fatto che la linea Roma-Milano è satura (230 le Frecce al giorno), è che sulla fermata di Orte «Trenitalia è molto ferma. Noi possiamo sollecitare, trattare, ma non posiamo violentare Trenitalia. Trattiamo sulle cose possibili». «Poi – ha aggiunto l’assessore – abbiamo definito altre ipotesi: quella del Frecciabianca in direzione Nord e in direzione Sud e ho scritto al Ministero sollecitandolo sulla situazione degli Intercity. In particolare vorrei anticipare il Tacito: parte da Terni alle 5 e arriva a Milano a mezzogiorno, anticipando l’arrivo a Firenze di qualche minuto si potrebbero avere delle coincidenze con i Freccia in diverse direzioni. Abbiamo chiesto una sperimentazione in questo senso». Insomma, per capire quali sono le reali opzioni sul tavolo bisognerà aspettare il 21.

Squarta Sul dossier trasporti giovedì interviene anche il consigliere regionale Marco Squarta (FdI). Il portavoce dell’opposizione di centrodestra chiede di «potenziare i collegamenti da Terni verso il Sud Italia mediante l’arretramento di un convoglio veloce da Roma». Per Squarta «è il momento di modificare i collegamenti veloci da Terni, consentendo a migliaia di umbri di raggiungere le regioni del Sud Italia in tempi assai più rapidi rispetto agli attuali». «È una questione troppo importante – aggiunge – per i collegamenti ferroviari dell’Umbria, che grazie al treno Frecciarossa ha già ottenuto un importantissimo risultato contro l’isolamento ferroviario. Adesso è il momento di modificare i collegamenti veloci da Terni».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.