venerdì 24 maggio - Aggiornato alle 23:13

Ex Pozzi: senza offerte 200 operai restano senza ammortizzatori sociali

Crisi alle battute finali con impatti sociali tragici, Galgano: «A Spoleto problema sera» e Fiorini: «Da tre mesi aspetto risposte»

Ex Pozzi (foto Fabrizi)

di Chia.Fa.

Senza offerte d’acquisto niente ammortizzatori sociali. Al dramma industriale del polo metallurgico di Santo Chiodo, che rischia il fallimento in assenza di proposte d’acquisto, si somma quello sociale dei 200 operai e delle relative famiglie, che potrebbero restare senza redditto nel giro di alcune settimane.

Duecento rischiano di restare senza reddito Se nessuno degli industriali che negli ultimi mesi si è affacciato a Santo Chiodo si convincerà a presentare un’offerta vincolante per rilevare Isotta Fraschini (alluminio) e Ims (ghisa), insieme al fallimento dell’industria spoletina si consumerà il dramma sociale degli operai, per i quali non ci sarebbero più ammortizzatori sociali da attivare, dopo l’esaurimento della cassa integrazione straordinaria, più volte prorogata, ma in scadenza il 31 ottobre per i 70 in organico ad Isotta Fraschini e il 2 marzo 2018 per i 130 di Ims. Le due date coincidono con il termine ultimo a disposizione degli investitori per scommettere formalmente su una nuova stagione per la ex Pozzi.

Galgano e Fiorini In attesa del vertice al ministero dello Sviluppo economico chiesto dai sindacati, a parlare è la deputata Adriana Galgano (Civici e innovatori), che ha presentato un’interrogazione sul futuro degli stabilimenti ex Pozzi, discussa in commissione Attività produttive: «Chiediamo ai commissari di affrettare i tempi perché non possiamo assistere all’ennesima vertenza che naufraga in fallimento, soprattutto a Spoleto dove c’è un serio problema occupazionale». Infuriato il consigliere regionale Emanuele Fiorini (Lega Nord): «Tre mesi fa ho chiesto al presidente della seconda commissione Eros Brega di convocare i commissari della ex Pozzi, ma evidentemente quello dei 200 operai di Spoleto non è un dramma che interessa la Regione».

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.