Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 ottobre - Aggiornato alle 09:52

Ex Merloni, ritirata mobilità per 583 lavoratori. Morani: «Cerchiamo investitori»

Cassa Covid e poi straordinaria: assemblea a Gaifana. Sindacati: «Serve monitoraggio e progettualità industriale»

Alessia Morani

«L’azienda si è resa disponibile a ritirare la procedura di mobilità con contestuale attivazione di ulteriori settimane di Cassa Covid terminate le quali sarà sostituita dalla cassa straordinaria per cessazione di attività». Lo ha detto la sottosegretaria Alessia Morani al termine dell’incontro al ministero dello Sviluppo economico sulla ex Jp Industries di Fabriano, da qualche settimana Indelfab, che aveva aperto la procedura di mobilità per 583 lavoratori, di cui circa 280 in organico allo stabilimento umbro di Gaifana.

Ammortizzatori sociali preziosi per i lavoratori che garantiscono anche tempo al governo per «continuare le interlocuzioni con potenziali nuovi investitori e già dalla prossima settimana organizzeremo un confronto con le associazioni imprenditoriali di Umbria e Marche per trovare nuovi investitori per l’area ex Merloni, anche in vista dell’apertura ad inizio ottobre del bando che prevede agevolazioni pubbliche agli investimenti per complessivi 26 milioni».Al tavolo anche le sigle sindacali Fim, Fiom e Uilm di Perugia e Ancona, che venerdì mattina incontreranno i lavoratori in assemblea, ma secondo cui resta fin da ora «indispensabile un incontro in tempi rapidi per la verbalizzazione di quanto condiviso al Mise, con l’impegno a un monitoraggio congiunto e costante: non semplice assistenza, ma vera progettualità industriale per riempire di lavoro le immense fabbriche ad oggi ancora vuote, non per colpa delle lavoratrici e dei lavoratori».

I commenti sono chiusi.