martedì 20 agosto - Aggiornato alle 09:20

ElectroTerni, sindacati respingono cassa straordinaria e spuntano potenziali acquirenti

Lavoro certo fino al termine di agosto, ma non c’è copertura di ammortizzatori sociali: chiesto tavolo urgente con la Regione

 

di Mar. Ros.

«No alla cassa integrazione straordinaria prima di aver valutato tutte le possibili soluzioni volte a scongiurare l’epilogo». Questo il messaggio dei sindacati metalmeccanici alla famiglia Coppo. Respinta così la procedura, per il ricorso all’ammortizzatore sociale, giunta nei giorni scorsi come un fulmine a ciel sereno sull’attività di fabbrica. Ora c’è da chiarire il mistero di papabili acquirenti.

ElectroTerni Si è tenuto come da programma negli uffici ternani della Regione il confronto tra vertici ElectroTerni, sindacati e Confindustria, ma senza rappresentanti politici di Palazzo Donini. Quello andato in scena lunedì mattina, per discutere il futuro del sito metalmeccanico di viale Centurini, solo un tavolo tecnico con esponenti Arpal (Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro). Considerato il cambio di rotta che la proprietà ha tentato di eseguire a pochi giorni dal vertice programmato, la discussione, come anticipato, ha preso una piega diversa dal previsto. Le circa tre ore di confronto sono servite da un lato a respingere la procedura di cassa straordinaria, dall’altro hanno fatto emergere la notizia secondo la quale la Regione, da tempo in campo per evitare la perdita di decine di posti di lavoro, avrebbe un asso nella manica. Ci sarebbe cioè un imprenditore interessato a rilevare l’azienda, già da settimane in contatto con l’ente umbro. Rispetto a questo però, il management ElectroTerni ha dichiarato la totale estraneità, nonché la disponibilità a valutare eventuali offerte. Da qui l’esigenza di un tavolo allargato alla componente politica di Palazzo Donini per chiarire tale aspetto. Il confronto, sottolineano le parti sociali, dovrà avvenire a strettissimo giro: nel sito c’è lavoro sino a fine mese, ma la Cigo non è stata prolungata ed ora la straordinaria è stata respinta; servono risposte immediate.

I commenti sono chiusi.