martedì 19 novembre - Aggiornato alle 22:32

Due ore di sciopero in Acciaieria, sindacati agli operai: «Non fate gli straordinari»

Braccia incrociate nell’area a freddo, le sigle denunciano comportamenti «intimidatori». Ast: «Nessuna limitazione alla fruizione delle ferie»

AST - portineria Serra

Sciopero di due ore nei reparti  dell’area a freddo (Pix 1 e 2) e invito ai lavoratori a non rendersi disponibili per gli straordinari. Torna a salire la tensione nell’Acciaieria di Terni a seguito delle riunioni e dei report produttivi presentanti dalla proprietà che «spingono – è la posizione delle Rsu di Ast – i lavoratori a gareggiare come una competizione di moto Gp, utilizzando metodi da caporalato e cottimo in cambio di giorni di ferie, come fossero un premio e non un diritto».

Due ore di sciopero Quella sindacale sul moto Gp, però, non è una metafora dato che i bilanci dei reparti presentati e affissi in varie bacheche sono stati effettivamente elaborati come il podio di una competizione motociclistica, con tanto di fotografie dei campioni in pista. Nel merito, comunque, le Rsu dell’Acciaieria di Terni contestano «l’indisponibilità aziendale a discutere e trattare una seria e giusta organizzazione del lavoro», mettendo così «a repentaglio – scrivono – la sicurezza dei lavoratori». I vertici di viale Brin, poi, vengono anche accusati «di atteggiamenti repressivi e intimidatori nel reparto “punitivo” di Pix», si legge in una nota condivisa dalle sigle dei metalmeccanici. Da qui la decisione di incrociare le braccia due ore per ciascun turno tra giovedì e venerdì, ma nel frattempo le Rsu hanno «avviato verifiche legali per stabilire la possibilità di procedere alla denuncia dei responsabili, considerando il comportamento antisindacale».

In una nota Ast, però, «smentisce che la fruizione delle ferie venga limitata e, men che meno, subordinata a valutazioni di qualsiasi genere». In particolare, dal sito siderurgico, dicono che «i dati parlano chiaro: nell’anno fiscale 2018-2019 appena concluso, tutti i dipendenti di Ast hanno goduto mediamente di un numero di giorni di ferie superiori a 20, vale a dire, superiori al totale delle ferie maturate nell’anno». E secondo Ast questo è vero anche per i dipendenti di Pix che mediamente fruiti sono stati superiori a quelli fruiti l’anno precedente».

I commenti sono chiusi.