Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 29 gennaio - Aggiornato alle 23:52

Dopo la ripresa «segnali di preoccupazione» per il 2023 dell’economia umbra

Del tema si è discusso mercoledì a Perugia nel corso della presentazione dell’indagine «L’economia umbra e i bilanci delle imprese»

La copertina dell'indagine (foto U24)

di Dan.Bo.

Dopo un 2021 e un 2022 caratterizzati da alcuni segni di ripresa, nel 2023 l’economia dell’Umbria potrebbe subire delle «ripercussioni» a causa «rallentamento significativo» previsto nel resto del paese. A dirlo questa mattina è stato il professor Luca Ferrucci, che ha diretto la redazione dell’indagine «L’economia umbra e i bilanci delle imprese», presentata nella sala Galeazzo Alessi. Nel corso dell’incontro, promosso dalla Camera di Commercio dell’Umbria in collaborazione con la filiale di Perugia della Banca d’Italia, sono stati presentati «dati non noti ma di grande importanza per comprendere la situazione, le tendenze, i livelli di competitività del sistema economico dell’Umbria paragonato a quello di Marche, Toscana e Abruzzo».

L’analisi Lo studio ha preso in esame i bilanci del triennio 2019-2021, che mostrano «una caduta vertiginosa nel 2020 e una ripresa abbastanza significativa nell’anno successivo. Un 2021 – ha detto Ferrucci – in cui c’è stata un’accelerazione su alcuni fattori, come il fatturato, mentre il livello degli investimenti resta su un livello intermedio comparativamente a regioni vicine come Toscana Marche e Abruzzo». Secondo il docente di Economia all’Università di Perugia, «teniamo meglio di queste regioni sul piano occupazionale, mentre dall’altro lato c’è una caduta della redditività molto significativa. Le imprese hanno davanti a loro uno scenario problematico a causa dell’impennata dei costi energetici e dell’inflazione, che peseranno sui bilanci 2022, mentre nel 2023 si stima un rallentamento significativo per l’Italia che avrà ripercussioni sull’Umbria. Purtroppo – ha concluso – ci sono dei segnali di preoccupazione per l’anno che verrà».

Nel corso della giornata il servizio completo

I commenti sono chiusi.