lunedì 17 febbraio - Aggiornato alle 17:58

Dal pesce del Tirreno fino alla carne umbra: a Perugia un nuovo mercato coperto con tanti under 40

Ha aperto a Madonna Alta la struttura di Coldiretti e Campagna amica che ospita tre volte alla settimana una quindicina di produttori

Uno dei banchi del nuovo mercato (foto ©Fabrizio Troccoli)

Arrivano dal Trasimeno, da Norcia, dall’Alto Tevere, dal Perugino e, in un caso, anche da Terracina per portare il pesce del Tirreno il gruppo di produttori, oltre la metà under 40, che hanno dato vita al nuovo mercato coperto di Madonna Alta, «il più giovane d’Italia» tra quelli creati da Coldiretti e da Campagna amica, fondazione che fa capo sempre all’associazione. La struttura, che si trova lungo l’asse viario centrale del popoloso quartiere, è stata inaugurata mercoledì a Perugia durante il giorno dedicato a San Costanzo, uno dei tre patroni della città. Tante le persone che mercoledì, complice la festa, hanno deciso di fare un giro tra i banchi per acquistare ortofrutta e formaggi, olio e vino, succhi e birra artigianale, carne e salumi e poi ancora miele, conserve, legumi, cereali, pasta, farine e prodotti da forno fino al pesce, portato dalla cooperativa dei pescatori di Terracina.

VIDEO: VIAGGIO NEL NUOVO MERCATO

Tre giorni alla settimana Il mercato, il primo al coperto che Coldiretti apre in Umbria (una quindicina invece quelli all’aperto di Campagna amica), accoglierà i clienti solo tre giorni alla settimana (il martedì dalle 9 alle 15 e il venerdì e il sabato dalle 9 alle 19) con l’obbiettivo di portare a Madonna Alta i prodotti delle aziende contadine (una quindicina in tutto) tagliando le intermediazioni e riducendo le distanze percorse dal cibo. «Un modello di consumo – ha detto il presidente di Coldiretti Umbria Albano Agabiti durante l’inaugurazione – che ha effetti positivi sul piano economico, salutistico e ambientale. Si tratta di un’apertura che segna un importante traguardo in linea con l’aumento del numero e delle esigenze dei consumatori che fanno la spesa dal contadino. Mai così tanti italiani hanno acquistato direttamente dagli agricoltori».

FOTO: IL NUOVO MERCATO

Luogo di incontro Nella nuova struttura si potranno anche consumare i prodotti acquistati e in futuro è prevista l’installazione di una cucina per degustazioni e show cooking. Oltre a ciò sono previste attività didattiche per i più piccoli, ovviamente legate al mondo del cibo e dell’agricoltura. «Questo – ha aggiunto Mario Rossi, direttore di Coldiretti Umbria – vuole essere un luogo di incontro, di idee e di iniziative per avvicinare la città alla campagna. Uno spazio in cui promuovere attività, formazione e laboratori anche in collaborazione con i cuochi contadini di Campagna amica. L’obiettivo è “aprirsi” non solo a chi intende acquistare cibi di qualità e locali, ma anche a quanti vogliono conoscere e approfondire la realtà rurale, direttamente con gli agricoltori».

Patrimonio agricolo «Oggi la filosofia del km zero – ha sottolineato il direttore nazionale di Campagna amica Carmelo Troccoli – riguarda soprattutto la fiducia che si crea tra cittadini e imprenditore agricolo, sempre più vicini grazie a un rapporto diretto e alla distintività e territorialità delle produzioni. I nostri mercati permettono di valorizzare lo straordinario patrimonio agroalimentare nazionale nel segno di autenticità e socializzazione, con l’acquisto di prodotti a chilometri zero che rappresenta un segnale di attenzione al proprio territorio ma anche un sostegno all’economia locale». All’inaugurazione, oltre ai vertici dell’associazione, hanno partecipato anche il sindaco Andrea Romizi, il prefetto Claudio Sgaraglia e gli assessori regionali Michele Fioroni e Roberto Morroni.

I commenti sono chiusi.