martedì 22 ottobre - Aggiornato alle 18:18

Cucinelli cresce ancora, ricavi per 291 milioni e mezzo: «Autunno prossimo molto molto positivo»

E annuncia che già sono positive le commesse per le prossime stagioni, sia autunno 2019 che primavera 2020

©Fabrizio Troccoli

Ancora crescita di ricavi per Brunello Cucinelli. Arriva la notizia sul primo semestre 2019 e i ricavi netti toccano quota 291,4 milioni di euro. Che significa +8,1% a cambi correnti (+7,2% a cambi costanti),
rispetto ai 269,5 milioni di euro, al 30 giugno 2018. La crescita delle vendite nei mercati internazionali cresce del 9,5%, mentre quello italiano dell’ 1,1%. In Europa è +9,6%, in Nord America +9,0%, in Cina +15,9%, resto del mondo +5,5%. L’incremento – fa sapere l’azienda quotata in borsa – riguarda tutti i canali distributivi: retail +12,0%, monomarca wholesale normalizzato +1,5%, multimarca wholesale +6,5%. Brunello Cucinelli, presidente e amministratore delegato, ha commentato: «Siamo pienamente soddisfatti di quello che è stato l’andamento della nostra azienda in questo primo semestre dell’anno sia in termini di numeri che di immagine; ci piace sostenere il lavoro nel quale si realizza quel rapporto di armonia con il Creato». Oltre a ritenersi soddisfatto per l’andamento della prima parte del 2019 annuncia segnali positivi sul resto dell’anno e anche sul prossimo. «Particolarmente buone le vendite di questa passata primavera estate, con un inizio di stagione autunno inverno 2019 molto molto positivo. Tutto questo ci fa ben sperare per un altro anno di bella crescita. Francamente non possiamo che esprimere soddisfazione anche per il tono decisamente positivo con il quale ha avuto inizio la raccolta ordini delle collezioni uomo e bambino per la stagione primavera estate 2020, presentate lo scorso mese. In questa sana e piacevole atmosfera di lavoro affrontiamo la prossima presentazione della collezione donna primavera estate 2020. E con equilibrata tranquillità immaginiamo che il prossimo anno sarà foriero di gradevoli e redditizi risultati».

I commenti sono chiusi.