domenica 31 maggio - Aggiornato alle 12:57

Coronavirus, direzione Tk-Ast: «Lavoro in sicurezza o stoppiamo la produzione»

Comitato per applicazione e verifica delle norme e task force aziendale per chiarimenti, entro mercoledì operativi tutti i reparti

burelli calderini
L'ad Burelli e il direttore di stabilimento Calderini

«Il primo obiettivo di Acciai Speciali Terni resta la tutela della salute dei nostri lavoratori e non esiteremo a fermare di nuovo la produzione se venissero meno le norme di sicurezza». È quanto afferma la direzione aziendale della grande acciaieria ternana di Thyssenkrupp, in queste ore nell’occhio del ciclone.

Ripresa produttiva Ast L’attività del sito siderurgico è ripresa lunedì mattina dopo una settimana di interruzione. «Venerdì scorso – rocordano da viale Brin – è stata  comunicata al prefetto la decisione presa da Ast di tornare a produrre, per alimentare, anche indirettamente, le filiere dei prodotti essenziali e rispondere alle richieste provenienti da clienti di settori strategici globali, testimoniate – raccontano – da lettere provenienti da tutto il mondo. Questa mattina alle sei sono iniziate le attività di rimessa in moto dello stabilimento ed entro mercoledì tutti i reparti torneranno nelle condizioni di produzione standard, anche se programmati all’incirca per il 50% della loro capacità». 

L’INTERVENTO DEL SINDACO DI TERNI

Acciaieria di Terni Al rientro non sono mancate lamentele da parte dei lavoratori. Ai piani alti hanno scritto le Rsu al termine dei sopralluoghi in ogni reparto per segnalare alcune criticità riscontrate; ma il management assicura: «I lavoratori sono stati forniti di tutti i dispositivi di protezione individuale specifici e di ogni altra misura utile a prevenire il contagio. Le modalità di utilizzo delle mascherine sono state oggetto di una formazione specifica avvenuta il 16 marzo, che ha coinvolto tutto il personale. Allo scopo di garantire il massimo di trasparenza e condivisione, è stato costituito un ‘comitato per l’applicazione e la verifica delle regole’ di contrasto al Coronavirus, composto da tecnici e manager di Ast e dai rappresentanti dei lavoratori. Inoltre – concludono i vertici – è presente una task force aziendale, disponibile 24 ore su 24, in caso di necessità di chiarimenti o istruzioni».

.

 

 

I commenti sono chiusi.