martedì 22 gennaio - Aggiornato alle 02:02

Colpo grosso per l’economia umbra: l’americana Solaredge compra Smre per sviluppo auto elettrica

Il gigante made in Usa acquista il 51% e si prepara all’Opa sull’azienda umbertidese fondata nel 1999 e guidata da Samuele Mazzini

Samuele Mazzini, presidente e ad di Smre

Prima la notizia, pochi giorni fa, di essere l’unica azienda umbra (oltre a Cucinelli) quotata in Borsa a crescere, seppur di poco, nel 2018. Ora la bomba: la umbertidese Smre di Samuele Mazzini acquisita per 77 milioni di dollari dall’americana Solaredge, gigante da 500 milioni di fatturato quotato al Nasdaq, per sviluppare il business dell’auto elettrica.

Chi è Smre Fondata nel 1999 e quotata sull’Aim, Smre si occupa di elettromobilità, macchinari per la produzione automatizzata e software telematici: sviluppa quindi soluzioni per l’elettromobilità end-to-end per veicoli elettrici e ibridi che trovano impiego in motociclette, veicoli commerciali e camion. E proprio le prospettive di sviluppo dell’auto elettrica hanno reso appetibile l’azienda guidata da Mazzini, nel ruolo di presidente e ad, che fattura circa 20 milioni l’anno.

Maggioranza e poi Opa Secondo quanto riporta Reuters M.T.I. Holding Srl, Gabriele Amati, Giampaolo Giammarioli hanno ceduto il proprio complessivo 51,48% di Smre a SolarEdge Technologies, tra i leader globali nella smart energy, al prezzo di 6 euro in contanti e azioni di nuova emissione della società quotata al Nasdaq che, successivamente, lancerà un’Opa. In due note distinte si legge che l’operazione, che prevede per SolarEdge un investimento di 77 milioni di dollari, è condizionata anche alla acquisizione da parte di Smre dell’intero capitale della controllata Sistematica e alla contestuale dismissione delle partecipazioni di minoranza non strategiche da questa detenute. SolarEdge è attiva nella tecnologia Smart Energy e con l’acquisizione di Smre, che fornisce tecnologie integrate per powertrain e componenti elettronici per veicoli elettrici, entra nel mercato dell’elettromobilità. L’offerta pubblica di acquisto totalitaria, rivolta agli azionisti di minoranza, sarà lanciata tutta in contanti e comunque ad un prezzo non inferiore al prezzo di acquisto, con l’obiettivo di acquisire il controllo totalitario di Smre. Samuele Mazzini dovrebbe rimanere alla guida operativa dell’azienda per altri quattro anni, come minimo. La transazione dovrebbe essere perfezionata nel corso delle prossime settimane.

I commenti sono chiusi.