Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 27 gennaio - Aggiornato alle 20:36

Caso Treofan, i sindacati: «Comportamento Jindal inaccettabile, intervenga il governo»

I rappresentanti dei lavoratori dopo l’acquisizione da parte della multinazionale di una nuova azienda: «Verifiche entro il 6 febbraio»

«Il comportamento di Jindal è inaccettabile: serve subito l’intervento del governo, prima del 5 febbraio». Così le organizzazioni sindacali stigmatizzano le ultime azioni della Jindal, multinazionale proprietaria della Treofan, che nei giorni scorsi ha firmato un accordo per acquisire la società brianzola ‘Domo Films Solution’, specializzata nella produzione di film in poliammide. La chiusura dell’operazione è prevista verso la fine del primo trimestre di quest’anno. Tempi che non convincono i sindacati.

La chiamata «Prima – si legge in una nota – si è vista l’acquisizione da parte di Jindal nel 2018 di Treofan, la chiusura del sito di Battipaglia, il successivo spostamento infragruppo di ordini da Terni allo stabilimento di Brindisi, infine l’annuncio a novembre 2020 della chiusura di Terni con l’avvio delle procedure di liquidazione e di licenziamento collettivo dei 147 dipendenti. Tutto ciò risulta davvero pesante da accettare. Dopo mesi di lotta dei lavoratori dello stabilimento di Treofan Terni e delle organizzazioni sindacali a tutti i livelli siamo di nuovo a denunciare atti e politiche scandalose messe in atto da Jindal nel nostro Paese. Il comportamento della Jindal è stato da parte nostra sin da subito denunciato e contrastato; ora è divenuto davvero in forte contrasto con il senso di responsabilità ed è andato contro ogni buona norma di comportamento a dispetto di corrette e normali relazioni industriali e istituzionali. Il sindacato non si ferma e chiediamo ancora una volta al governo di intervenire entro il 6 febbraio, termine ultimo della procedura di liquidazione, verificando immediatamente la regolarità delle operazioni fatte da Jindal e ponendo in atto iniziative per il mantenimento in vita dell’azienda ternana e della sua continuità produttiva».

I commenti sono chiusi.