venerdì 22 novembre - Aggiornato alle 04:09

Cascata delle Marmore, corsa a quattro per la gestione: Gebart esclusa

Dopo la fase istruttoria restano in lizza Vivaticket, e i gruppi guidati da Alis, Zoe e Coop Culture

di M. R.

Al via la finalissima fase di esame delle offerte arrivate sul tavolo degli uffici comunali per la gestione del sito turistico della Cascata delle Marmore, nei mesi passati finito nell’occhio del ciclone proprio per il temporaneo passaggio d’appalto che ha interessato per un periodo i dipendenti di Palazzo Spada.

Gestione Cascata Alla gara europea indetta dall’ente di piazza Ridolfi (che ha validità triennale e contempla la possibilità di rinnovo per due anni), hanno preso parte cinque soggetti, tra quelli che hanno partecipato in forma singola e associata. Ad una prima lettura della documentazione presentata, nel corso delle passate settimane, era stata ammessa solamente Vivaticket, già capofila dell’attuale gestione. Per gli altri, la procedura tecnica ha previsto l’avvio di soccorso istruttorio per documentazione integrativa che, una volta arrivata, ha costretto comunque il Comune a tagliare fuori dalla competizione la Gebart.

Società in gara Restano in gara Vivaticket e i gruppi guidati dalla viterbese Zoe, la romana CoopCulture e la ternana Alis. Ora sarà nominata la commissione specifica per le valutazioni e, nel prossimo mese, scatterà l’apertura delle buste economiche. L’attuale appalto scade il 31 agosto. Da giovedì entreranno invece in funzione i parcometri Terni reti, così che la sosta diverrà a pagamento sia al belvedere inferiore che superiore. In entrambi i siti in programma interessanti eventi per il mese delle stelle.

I commenti sono chiusi.