mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 03:35

Camera di commercio: in provincia di Perugia 10 mila assunzioni da qui a settembre

Le previsioni del sistema Excelsior: crescono i contratti a tempo indeterminato. Le figure più ricercate sono ancora gli operai specializzati

Operai di Rfi al lavoro

Crescono nel mese di luglio le previsioni occupazionali delle imprese della provincia di Perugia. Sono 3.630 i contratti di lavoro di nuova attivazione, 240 in più rispetto a un anno fa, +7%. Nel trimestre estivo, da luglio a settembre, le entrate al lavoro saranno 9.880, 520 più sullo stesso trimestre dell’anno scorso, +5,5%. Sono le previsioni elaborate dal sistema Excelsior della Camera di commercio di Perugia.

Più contratti stabili Si consolida, inoltre, la tendenza all’aumento dei contratti stabili a tempo indeterminato o di apprendistato, che nel precedente mese di giugno 2019 erano passati dal 22 al 38% del totale delle previsioni mese. A luglio 2019 i contratti a tempo indeterminato o di apprendistato si confermano in salita al 33% del totale mese, 7 punti percentuali in più su luglio 2018. «E’ questa – secondo il presidente della Camera di commercio, Giorgio Mencaroni – l’indicazione più rilevante che ci arriva dal Bollettino Excelsior. Il Sistema delle imprese della provincia di Perugia sta offrendo lavoro più stabile e rileviamo anche su base congiunturale un aumento dei dipendenti permanenti  e un calo corrispondente di quelli a termine. La quota di lavoro destinata ai giovani sotto i 30 anni resta intorno a un posto su 3, così come resta stabile intorno al 15% il numero di imprese perugine in grado di generare e offrire lavoro: sono circa 2.250 su un totale di oltre 16.000 con almeno 1 dipendente, regolarmente iscritte al Registro Imprese».

 

 

Quali lavoratori si cercano Le entrate previste a luglio si concentreranno per il 67% nel settore dei Servizi e per il 66% nelle imprese con meno di 50 dipendenti. Resta molto alto il mismatching tra domanda e offerta di lavoro: in 35 casi su cento le imprese incontrano difficoltà a trovare i profili professionali desiderati. I più difficili da reperire sono gli Operai nelle attività metal meccaniche ed elettromeccaniche; i Conduttori di mezzi di trasporto; il Personale generico nelle Costruzioni.

I commenti sono chiusi.