Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 25 ottobre - Aggiornato alle 12:07

Brunello Cucinelli ai dipendenti: «Senza vaccino vi pago, ma non venite al lavoro»

L’imprenditore racconta l’assemblea con le maestranze: su 1.200 meno dell’1 per cento non è immunizzata

Brunello Cucinelli (©Fabrizio Troccoli)

«La mia proposta per i lavoratori non vaccinati è quella di stare a casa con un’aspettativa di sei mesi retribuita». Lo ha detto Brunello Cucinelli a la Repubblica che gli ha chiesto di esprimersi sulla proposta circolata internamente in Confindustria con cui venivano paventati cambi di mansioni per chi non vaccinandosi non potrà entrare in azienda, con possibili ricadute sullo stipendio.

«Senza vaccino vi pago, ma non venite al lavoro» Cucinelli ha spiegato che nella sua azienda «su 1.200 dipendenti meno dell’uno per cento non è vaccinato, e chiaramente si è venuto subito a sapere chi erano. Ora, come è logico che sia, i ragazzi che prima lavoravano allo stesso tavolo, non vogliono più stare a contatto con chi ha scelto di non vaccinarsi. In generale, comunque la risposta è stata molto positiva e ne sono orgoglioso. Anche per questo due settimane fa ho chiesto un incontro al presidente Mario Draghi, sono stato subito ricevuto». Il re del cachemire al quotidiano ha spiegato di aver poi «fatto una grande assemblea riunendo nel parco antistante i nostri stabilimenti a Solomeo, con tutti i dipendenti presenti e distanziati, gli ho portato loro i saluti e gli auguri del presidente Draghi, dicendo che presto il governo sarebbe intervenuto a regolare i prossimi passi e che verosimilmente presto potremmo essere autorizzati a recarci in azienda senza le mascherine, ma a quel punto potranno entrare solo coloro che hanno il Green Pass». Cucinelli riconosce di non «poter imporre a nessuno di fare questa scelta, ma non posso neppure mettere a rischio chi ha scelto di vaccinarsi. Ho un caro amico, che ha già fatto due volte il vaccino e da 11 giorni è a letto con la febbre a quaranta perché ha preso una variante del Covid. Questa non è un’influenza, è una cosa grave».

I commenti sono chiusi.