martedì 7 aprile - Aggiornato alle 17:57

Alcantara cerca nuovi clienti, il prodotto del futuro è senza trielina

Coronavirus, management in collegamento da Milano. Discussione sui contratti in scadenza rimandata a marzo

Il tavolo sindacale in programma per venerdì 28 febbraio si è tenuto in Alcantara e non in Confindustria come inizialmente previsto: il management aziendale ha potuto così collegarsi da Milano, evitando spostamenti considerati rischiosi ai tempi del Coronavirus. Dall’incontro è emersa la volontà dei vertici societari di sviluppare il prodotto del futuro, ovvero quello solvent free; come impone l’Europa, il sito industriale dovrà studiare una produzione senza l’utilizzo di trielina. Nel frattempo è ovvio, Alcantara dovrà trovare anche il favore dei clienti e tra gli obiettivi del management c’è quello di incrementarne il numero. La discussione sul termine dei cinquanta contratti a tempo determinato è stata invece rimandata.

Il futuro di Alcantara a Narni Un nuovo incontro è fissato per il 12 marzo prossimo, quando sindacati e azienda faranno il punto anche sulla produzione e la situazione economica del gruppo. «Le parti sociali – dichiara Marianna Formica della Filctem Cgil a Umbria24 – faranno del tutto per difendere le maestranze. La nostra sigla in primis si spende per la tutela di tutti i lavoratori». A proposito del vertice in programma per metà marzo, il segretario di Femca Cisl Fabrizio Framarini spiega: «Ci incontreremo con l’azienda e, come avvenuto già nel mese di ottobre, valuteremo la situazione in merito alla scadenza di diversi contratti a tempo determinato e della gestione degli stessi. Siamo coscienti, a valle dell’incontro odierno, degli sforzi che Alcantara sta compiendo – sia dal punto di vista produttivo sia dal punto di vista di ampliamento del proprio mercato. Per quanto ci riguarda quest’azienda rappresenta un eccellenza per il nostro territorio. Il fatto che si debba confrontare, al momento, con le problematiche legate al mercato dell’auto a livello mondiale e, non ultimo del Coronavirus, non scalfisce minimamente il percorso intrapreso finora. Come sindacato siamo quindi impegnati affinché si superi nel modo meno doloroso possibile questa difficile congiuntura».

I commenti sono chiusi.