venerdì 20 luglio - Aggiornato alle 04:54

Aeroporto, il bilancio decolla: utili di oltre 210 mila euro. Caccia a tre nuove figure

Numeri approvati dal cda di Sase: dopo anni di ‘rosso’ «risultato storico». Attesa per i voli operati da Cobrex

Un tabellone all'aeroporto

di D.B.

Dopo anni di ‘rosso’ il bilancio dell’aeroporto San Francesco decolla verso il territorio positivo. Il cda di Sase infatti ha approvato i conti dell’esercizio 2017 che mostrano un attivo di 211.342 euro: «Il risultato – spiega la società che gestisce lo scalo – certifica gli sforzi compiuti nel quinquennio 2013-2017, che illustrano a fronte di un aumento sostanziale del business, un evidente trend di riduzione del deficit culminato con lo storico utile registrato nell’ultimo esercizio». Nel 2013 i conti si erano chiusi con un segno negativo pari a 1,529 milioni di euro, ridottosi a -1,176 milioni nel 2014, -845mila euro nel 2015 e -320mila nel 2016. Con un certo orgoglio Sase parla dunque di «risultato storico» che insieme agli altri numeri del bilancio verrà presentato ai soci dello scalo nel corso dell’assemblea che si terrà nei primi giorni di maggio.

SBARCA COBREX: TRATTE E ORARI
FLYVOLARE, SCATTA DENUNCIA PENALE

 «Risultato storico» «Il dato – dice sempre Sase – risulta ancora più importante considerato il quadro di complessiva debolezza per il segmento degli aeroporti sotto al milione di passeggeri all’anno che, negli ultimi anni, ha registrato numerosi fallimenti e chiusure. Con questo risultato vengono pienamente soddisfatti, con un anno di anticipo, gli obblighi derivanti dalla concessione ventennale (rilasciata nel maggio 2014) e dall’atto aggiuntivo degli organi competenti. Tali prescrizioni richiedono il raggiungimento di un MOL (margine operativo lordo, ndr) positivo e un sostanziale equilibrio economico-finanziario della società da raggiungere nei quattro anni dalla sigla della concessione».

CHIUSI, DA DICEMBRE L’ALTA VELOCITÀ: LE NOVITÀ

Cobrex e tre nuove figure La sfida ora continua riguardo ad altri numeri, quelli dei passeggeri. Dopo il flop di FlyVolare – con tanto di denuncia penale per truffa – e gli stop di alcune tratte per problemi non imputabili allo scalo ma alle compagnie, l’aeroporto punta a recuperare il terreno perduto. Da metà giugno, come spiegato nei giorni scorsi, arriverà la rumena Cobrex che ha deciso di piazzare a Perugia un aereo di base grazie al quale per il momento (nel futuro potrebbero essere aggiunte anche altre rotte) si tornerà a volare da e verso Trapani, Cagliari e Bucarest, oltre a Barcellona El Prat e Brindisi. Oltre a ciò con tre distinti avvisi – scaduti nei giorni scorsi – Sase si è messa alla ricerca di tre nuove figure per occuparsi di materie importanti come sicurezza, progettazione e manutenzioni.

Twitter @DanieleBovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.