Due Mondi, dal tempio zen con 400 casse d’acqua alla panchina sui binari: nasce ‘Oasi Collicola’

1 / 9
2 / 9
3 / 9
4 / 9
5 / 9
6 / 9
7 / 9
8 / 9
9 / 9

Nasce ‘Oasi Collicola’. Il cortile dell’omonimo Palazzo è stato aperto al pubblico sabato mattina dopo lunga attesa e grandi sforzi del direttore Gianluca Marziani: «È un giardino di sculture ludiche che doniamo alla città, lo abbiamo concepito come un luogo di scambio e meditazione per grandi e piccini, aperto al pubblico e a ingresso gratuito». Negli 850 metri quadrati sono state collocate le opere di Marco Piersanti, Matteo Peretti, Marcello Maugeri, Molino&Lucidi, Vincenzo Pennacchi e Alberto Di Fabio. Tra queste il tempio zen realizzato con oltre 400 casse d’acqua Tullia donate dall’azienda, ma anche una ferrovia con una panchina, un ufficio esterno, lettini da spiagga, una mini altalena e una rastrelliera per bici: «L’Oasi Collicola è un mio sogno che si avvera – dice Marziani – chiunque potrà vivere queste sculture, parcheggiando le biciclette, sedendosi sulla panchina o sdraiandosi sui lettini, compresi i bimbi del vicino asilo». E sul cortile asfaltato: «Mi sono battuto fino all’ultimo per evitare il giardino all’italiana, qui non siamo né a Versailles né a Caserta» (foto Chiara Fabrizi)



ID, 'firma_troccoli', true)) { ?> ';?> ©ft – Fotoservizio
http://fabriziotroccoli.wix.com/photo '; ?>


© riproduzione riservata
Condividi la gallery