SPECIALE FESTIVAL DI SPOLETO | 24 giu 2016

Due Mondi, a Spazio Indie c’è Margherita Vicario: «Per me il qui e ora regna su tutto, almeno nei live»

Sabato 25/6 la giovane cantautrice romana propone una performance inedita semiacustica

Due Mondi, a Spazio Indie c’è Margherita Vicario: «Per me il qui e ora regna su tutto, almeno nei live»

Margherita Vicario, 28 anni, cantautrice. Un singolo, un EP, un album nel 2014 e un altro in in progress. Per il cinema, un film con Woody Allen, uno con i The Pills e diverse serie tv per il piccolo schermo. Questa la bio della giovane artista romana protagonista sabato 25 giugno dell’attesa performance inedita attesa a Spazio Indie di Spoleto, il Coworking di via del Mercato che per tutte le sere del Due Mondi propone concerti, mostre, musical e valli.  In vista dell’appuntamento di sabato abbiamo chiesto a Margherita Vicario di raccontarci qualcosa di lei in un botta e risposta di dieci minuti denso di progetti, entusiasmo, mille cose fatte e mille da fare e adrenalina vera.

Citiamo una tua canzone, Per un Bacio e a distanza di quasi due anni dall’uscita di quel singolo ti chiediamo: “Dimmi di che vivi”. La risposta è ancora “Eccola è arrivata, questa è la domanda da un milione. Non la so…”?

Be’ diciamo che in questi due anni me la sono fatta un’idea di quello di cui vivo. Ma nel profondo dell’anima la ricerca è costante. Mi fa ancora strano quando mi chiedono ‘tu che fai nella vita?’ E io rispondo ‘la cantautrice… e l’attrice!’ . Ci vuole una bella faccia tosta. E uno spirito
d’acciaio. Come in tanti altri lavori d’altronde.

Parliamo del futuro. Quali progetti ci sono nel prossimo futuro o e cosa c’è in cantiere?

Ora mi sto concentrando molto su un concerto che farò il 14 luglio a Roma insieme al chitarrista classico Gian Marco Ciampa e l’Orchestra Sinfonica Giovanile di Roma, un progetto che si chiama Leggermente Classica in cui dovrò interpretare grandi successi della musica leggera e alcuni miei brani riarrangiati in chiave classica. Poi sto finendo di scrivere il mio secondo disco e iniziando la preproduzione. In più sto ultimando le riprese di una lunga serie tv  per Canale 5 che andrà in onda l’anno prossimo.

I tuoi live sono sempre tutti diversi. Come si fa a salire sul palco e presentare ogni volta uno show differente?

Un concerto è come una performance teatrale, le canzoni, i testi sono sempre gli stessi. E’ il pubblico e il palco che cambiano e quello già basta a rendere ogni performance diversa. Il pubblico soprattutto. Il qui e ora per me regna su tutto, almeno quando suono e canto…nella vita
è tutta un’altra cosa.

Una curiosità: ti sei annoiata molto a girare “Sempre meglio che lavorare” con i The Pills?

Sì ,una rottura mondiale…non è vero! Sono completamente pazzi e talentuosi, imprevedibili e sinceri e per questo è stato faticoso e divertente e sono felice di aver partecipato alla loro storia, al loro primo film.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO