mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:25
26 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:12

Dopo contraffazioni arrivano inganni con i nomignoli, umbri a Bologna per difendere made in Italy

Immagini e parole che richiamano prodotti italiani che si comprano nei supermercati delle capitali europee ma non hanno nulla di italiano

Dopo contraffazioni arrivano inganni con i nomignoli, umbri a Bologna per difendere made in Italy
Coldiretti ( foto archivio)

La contraffazione con materie prime straniere spacciate per prodotti italiani, i problemi della verità in etichetta e ora gli inganni, con nomignoli che richiamano al made in Italy ma che non hanno nulla di Italiano. Ci si vuole vedere chiaro e si vuole continuare a lottare per la difesa dell’agricoltura e degli agricoltori italiani. Almeno vogliono farlo quanti hanno confermato la propria presenza all’appuntamento di Bologna. Tra cui tanti agricoltori umbri e la presidente Catiuscia Marini.

Mobilitazione Anche gli umbri parteciperanno giovedì alla mobilitazione a difesa del made in Italy di migliaia di agricoltori italiani con i trattori dentro e fuori il Paladozza in piazza Manfredi Azzarita a Bologna. Appuntamento in quella Emilia Romagna che ha il primato italiano ed europeo, come regione, della qualità, per il maggior numero di prodotti a denominazione di origine riconosciute dall’Unione europea.

Lotta agli inganni All’appuntamento – si legge in una nota della Coldiretti – verrà presentata la prima risposta concreta alla domanda su cosa mangiano di ‘italiano’ nelle capitali europee con i risultati della ricerca sul campo effettuata dalla ‘task force’ nata dalla collaborazione dei Carabinieri dei Nas con la Coldiretti nell’ambito di un progetto europeo dell’Europol, che, per la prima volta, ha raccolto e portato in Italia i cibi venduti come made in Italy, nelle principali catene distributive delle capitali dell’Unione Europea. Si tratta del primo progetto nato per combattere gli inganni nei confronti dei consumatori europei determinati dall’uso di immagini e parole che richiamano impropriamente alla qualità del Made in Italy, realizzato attraverso verifiche nei supermercati delle capitali dei principali paesi europei: da Londra a Berlino, da Bruxelles a Budapest, da Bucarest a Lubiana che sarà presentato in collaborazione con il comando carabinieri Tutela della salute (Nas).

All’appuntamento Con il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e l’intera giunta nazionale di Coldiretti ci saranno numerosi ospiti istituzionali tra i quali hanno confermato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina e quello dell’Ambiente Gian Luigi Galletti, il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini e quello dell’Umbria Catiuscia Marini. Insieme all’esclusiva esposizione sarà presentato il dossier Coldiretti sul ‘Made in Italy sulle tavole straniere ad un anno da Expo’.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250