martedì 31 marzo - Aggiornato alle 15:20

Zuppa Campbell’s, Marylin e il pezzo unico ‘Flowers’: Terni lancia Andy Warhol

Presentata la mostra di Palazzo Primavera dal 7 marzo al 3 maggio: oltre 130 opere del genio della Pop Art

di Massimo Colonna

Centotrenta opere, dai leggendari ritratti di Marylin fino alle lattine di zuppa Campbell’s. Ma anche un dipinto unico nel suo genere, Flowers, realizzato con tecnica serigrafica e colori a olio nel 1964. In più diverse creazioni grafiche. «Non abbiamo un’opera più importante rispetto alle altre, ma presentiamo un percorso che corre lungo tutta la carriera artistica di questo geniale artista». Si presenta così la mostra ‘Andy Warhol … in the City’, che da sabato 7 marzo aprirà i battenti a Palazzo di Primavera fino al prossimo 3 maggio. Una grande mostra antologica dedicata ad Andy Warhol e alla Pop Art, che per la prima volta approda nella città dell’acciaio dopo essere stata apprezzata in moltissime città italiane ed anche alcune europee dal 2009 ad oggi con oltre 8 milioni complessivi di visitatori.

Intervista video: il progetto artistico

Quali opere Il mito di Marilyn Monroe, il fascino di Liz Taylor e Liza Minnelli, il carisma di Mao Zedong e Che Guevara, ma anche le storiche bottiglie di Coca Cola, le leggendarie lattine di zuppa Campbell’s, le Flowers e tante altre ideazioni grafiche ideate da Warhol. Proprio una delle notissime Flowers, dipinto unico realizzato con tecnica serigrafica e colori ad olio nel 1964 ha fatto da sfondo alla conferenza stampa voluta con ampio anticipo sull’inaugurazione dall’agenzia Pubbliwork Eventi, che organizza la mostra in collaborazione con l’associazione nazionale ‘New Factory Art’, che raccoglie l’adesione di numerosi collezionisti italiani sul tema Pop Art, per poter veicolare meglio l’invito al pubblico, non solo ternano, ma anche delle provincie vicine e dell’area romana.

La città «Un sogno che si avvera – ha detto il sindaco Leonardo Latini – giunto al termine di un lungo percorso organizzativo. Il rilancio della cultura a Terni deve obbligatoriamente passare anche dalla cultura e per noi è un onore poter ospitare le opere di uno dei massimi artisti mondiali». E di «punto di partenza per un autentico risorgimento della cultura ternana» ha parlato anche l’assessore comunale alla Cultura, Andrea Giuli, che ha sottolineato la «necessità di remare tutti dalla stessa parte per riportare la città a uscire dalla crisi generale e a livelli più consoni in fatto di turismo e appunto proposta culturale». Da leggersi anche in questo senso il coinvolgimento dell’associazione ‘Terni al Centro’, presente con il presidente Gianluca Munzi, che ha annunciato alcune iniziative collaterali, così da coinvolgere l’intera città attraverso una serata cinematografica dedicata a Warhol, alcuni spunti legati alla Pop Art negli esercizi commerciali e una serie di particolarissimi flash mob.

Il progetto artistico Dal punto di vista più strettamente artistico, la mostra è stata presentata dal curatore, nonché presidente di Pubbliwork, Angelo Ciliani e dal presidente di New Factory Art, Gino Capitò. Quest’ultimo ha ribadito «la collaborazione che lega da anni questa associazione alle iniziative intraprese da Pubbliwork nell’azzeccata e particolare ottica di trasferire un patrimonio inestimabile dalle location private dei singoli collezionisti a luoghi di massima frequentazione perché popolo e arte sono inseparabili come ci ha trasmesso Warhol nelle sue factory. Faremo apprezzare al pubblico gran parte delle tecniche particolari del percorso intrapreso dall’artista dagli anni ’50 fino all’inizio degli ‘80». Accanto a quelle di Warhol, in una sorta di filo conduttore che porta alla Pop Art contemporanea, troveranno spazio anche alcuni lavori di artisti emergenti e già conosciuti quali il gualdese Pier Giuseppe Pesce, Lucrezia Di Canio, ternana di origine e soprattutto Mark Kostabi, che da tempo si è fatto interprete della promozione di Terni nel mondo attraverso le sue opere.

Il programma ‘Andy Warhol …in the city’ sarà visitabile ogni mercoledì e giovedì (lunedì e martedì chiuso) dalle 14.30 alle 19 e ogni venerdì, sabato e domenica (ma anche il lunedì di Pasquetta) con orario 10.30-13 e 14.30-19 (svariate le tipologie di biglietto di ingresso: intero €10,00; ridotto A € 7,00 per ragazzi dai 6 ai 18 anni; ridotto B € 5,00 per universitari e pensionati; ingresso gratuito sotto i 6 anni età prescolare e per i disabili).

Le partnership Presenti alla conferenza stampa anche alcuni dei partner dell’evento: significativo il contributo del gruppo Acea, rappresentato da Marco Palazzesi del Business Development, e di Umbria Energy, presente il presidente Paolo Ricci. Intervenuti anche Maria Teresa Marchetti e Andrea Lazzarini, in rappresentanza rispettivamente di Farmacia Marchetti e Andec Food. Molte scuole inoltre stanno programmando la visita alla mostra nel proprio percorso di studi (a disposizione anche un lungo filmato sulla vita di Andy Warhol). Tra le altre iniziative, infine, da segnalare anche l’opportunità studiata in collaborazione con Trenitalia per coloro che raggiungeranno Terni con i treni regionali, esibendo il biglietto ferroviario che potranno usufruire di uno sconto sul biglietto di ingresso alla mostra. Tutte le informazioni sull’evento sono reperibili sul sito internet www.pubbliwork.it/andy-warhol.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.