Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 08:10

Via alla Stagione lirica con ‘La prova di un’opera seria’: «Raccontiamo un teatro in difficoltà anche economica»

Su il sipario al Clitunno di Trevi con la farsa in un atto di Gnecco. Sul palco i vincitori dei concorsi 2019 e 2020

I cantanti attori di "La prova di un'opera seria"

Via alla 74esima Stagione lirica sperimentale. Si apre al Teatro Clitunno di Trevi venerdì alle 21, con repliche sabato e domenica, con La prova di un’opera seria, farsa in un atto su musica di Francesco Gnecco: uno spettacolo di teatro nel teatro in cui viene portata in scena proprio la prova di un’opera seria, mettendo “a nudo” il teatro stesso e tutte le sue contraddizioni,  «ma portarlo in scena oggi, in tempo di Coronavirus, è un messaggio molto forte, perché si racconta di un teatro in difficoltà, anche economica» ha detto il direttore musicale Luca Spinosa

Via alla Stagione lirica dello Sperimentale Gli attori cantanti sono i vincitori dei concorsi del Lirico sperimentale 2019 e 2020, ma anche alcuni artisti che hanno partecipato alle audizioni e sono stati scritturati per l’apertura della Stagione. In scena quindi Tosca Rousseau (Corilla Tortorini), Chiara Boccabella (Violante Pescarelli), Marco Rencinai (Federico Mordente); Luca Bruno (M° Campanone/Compositore); Giacomo Leone (Fischietto/Copista e suggeritore); Giordano Farina (Il poeta Pasticci). La direzione musicale e il pianoforte sono del maestro Spinosa, che parla di «un’opera giocosa, caricatura della vita teatrale, che a una prima lettura può apparire anche poco virtuosa, ma è proprio la volontà del suo autore che porta consapevolmente in scena il teatro quotidiano, il “dietro le quinte”, con tutte le problematicità che ne conseguono».

Si apre con La prova di un’opera seria In particolare, in scena va il racconto della prima prova di Gli Orazi e i Curiazi di Domenico Cimarosa, compositore italiano di scuola napoletana vissuto nella seconda metà del Settecento e maestro dello stesso Francesco Gnecco. La prova di un’opera seria ha fin da subito riscontrato un notevole successo tra il pubblico, proprio perché rispondeva a quei canoni formali sì superati, ma che erano ancora richiesti dall’uditorio dell’epoca. I biglietti sono disponibili nelle rivendite Ticket Italia (a Spoleto Box 25-Piazza della Vittoria, 25) e al botteghino del Clitunno di Trevi nei giorni 4 e 5 settembre 2020 dalle 16.30 alle 21.30 e domenica 6 settembre 2020 dalle15.30 alle 17.30. Ingresso unico € 5.00 (esclusi i diritti di prevendita). Per informazioni: 338.8562727 oppure sul sito www.ticketitalia.com e www.tls-belli.it. E’ necessario presentarsi in teatro muniti di mascherina almeno 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo, al fine di poter effettuare le rilevazioni previste dalle disposizioni anti Covid-19.

I commenti sono chiusi.