Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 3 agosto - Aggiornato alle 20:09

Via ai concerti Voci della Terra: si inizia a Scheggino col trio Accordi e disaccordi

Primo agosto in piazza Urbani il trio swing, l’indomani largo ai Rebel bit

Il trio Accordi e disaccordi

Via alla rassegna Le Voci della Terra. Inaugura il primo agosto con il concerto gratuito del gruppo Accordi e disaccordi, attesi alle 21.30 sul palco della piazza di Scheggino, la manifestazione organizzata per il secondo anno consecutivo dall’associazione Visioninmusica, con la direzione artistica di Silvia Alunni.

Voci della Terra al via Nel borgo della Valnerina sono attesi i chitarristi Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi e il contrabbassista Dario Scopesi che insieme compongono il trio “hot italian swing” molto attivo nel panorama musicale nazionale e internazionale che trae ispirazione dal celebre chitarrista Django Reinhardt (1910-1953) e dal gipsy jazz, genere che ripropone in chiave moderna i classici del jazz manouche degli anni Trenta. La loro musica è considerata un connubio di stili e generi, dalle melodie dal sapore classico alle sonorità latine con influenze blues, progressive e funky, ma include anche evocative ballad di atmosfera cinematografica. In meno di dieci anni di attività, la formazione si è esibita dal vivo in oltre duemila concerti con tournée in Turchia, Grecia, Russia, Stati Uniti e Australia e ha partecipato a molteplici edizioni di Umbria Jazz, Torino Jazz, Festival Django Reinhardt di Samois-sur-Seine, Bentivoglio Manouche Festival di Bologna e Festival Jazz di Mosca.

Sant’Anatolia e Scheggino Voci della Terra prosegue il 2 agosto al Museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco che offrirà l’opportunità di una visita guidata in questo luogo di incontro, scambio di pratiche e trasmissione di competenze sul progetto tessile, tra tecnica e tecnologia; per esigenze legate alle misure anti Covid-19, è necessario presentarsi al botteghino del museo 15 minuti prima dell’inizio della visita (biglietto di ingresso €2). La stessa sera, sulla piazza di Scheggino, alle ore 19:30 e sempre a ingresso gratuito, si esibiranno i Rebel Bit, un gruppo di musicisti “ribelli” il cui quadro sonoro combina vocalità tradizionale e sperimentazione elettronica e il cui stile è frutto di molteplici contaminazioni che spaziano dalla musica classica al pop.

Spoleto Ci sarà da aspettare il 4 settembre, invece, per vedere esibirsi nel centro storico di Spoleto la Fantomatik Orchestra, una marching band nata sullo stile delle street band americane che mescola funky, soul e rhythm’n’blues, ad influenze etno, pop e dance. Gran finale il 2 ottobre al Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” con i Neri per caso nel nuovo progetto “We love the Beatles” in cui le voci di Ciro, Gonzalo e Domenico Caravano, Mario Crescenzo, Massimo De Divitiis e Daniele Blaquier rendono omaggio in chiave “a cappella” al repertorio dei quattro ragazzi di Liverpool

I commenti sono chiusi.