sabato 25 maggio - Aggiornato alle 17:22

Da Veltroni a Liliana Segre, nel libro di Scricciolo un mosaico di voci per ricordare Tullia Calabi Zevi

Il libro, una biografia in forma di narrazione, sarà presentato sabato 16 alle 17 alla Domus pauperum di Perugia

Tullia Calabi Zevi

Sarà presentato alla Domus Pauperum di Perugia sabato 16 marzo alle 17 il libro «Tullia Calabi Zevi» di Puma Valentina Scricciolo, pubblicato da ali&no editrice nel Centenario della nascita nella collana “le farfalle” fondata da Clara Sereni. Alla presentazione del libro, che devolve il diritto d’autore in beneficenza alla Fondazione La città del Sole Onlus, interverranno con l’autrice Maria Luciana Buseghin, presidente dell’Associazione Italia – Israele di Perugia, Fabrizio Scrivano dell’Università di Perugia e Francesca Silvestri, direttore editoriale ali&no editrice. Tullia era donna di cultura con una forte personalità, giornalista e corrispondente dall’estero, presente al Processo di Norimberga, ha ripercorso pagine importanti della storia della nostra Repubblica attraverso numerosi scritti, memorie, interviste a politici, intellettuali, capi di stato, ha ricevuto premi internazionali, riconoscimenti dalla Presidenza della Repubblica, dall’Europa, dall’Unesco.

Il libro In questo libro, scritto come una biografia in forma di narrazione, si ritesse la trama del suo vissuto pubblico e privato, si ripercorrono le tappe dei suoi viaggi, si ritrovano le passioni e gli affetti attraverso le voci e le testimonianze di chi ancora ricorda. Nel ricordarla si pone l’accento sulla sua attenzione alle minoranze, sul suo impegno civico e sui grandi successi che raggiunse come prima presidente donna della Comunità ebraica italiana, come l’Intesa fra Stato italiano e Ucei del 1987. Nel libro, costruito come un mosaico di voci e immagini, si intrecciano i ricordi e le testimonianze (gran parte inedite) di Liliana Segre, Lia Levi, Clara Sereni, Walter Veltroni, Piera Di Segni, Emanuele Ascarelli, Luca e Adachiara Zevi e molti altri, per ricordare, soprattutto alle giovani generazioni, una figura femminile di così alto spessore. «Tullia è stata una protagonista della ricostruzione di un legame rinnovato, che oggi integra la ricchezza e l’articolazione dell’identità italiana. Proprio questo è stato forse il suo contributo più alto e duraturo alla storia recente di tutti noi.» (dalla Prefazione di Liliana Segre). In occasione del centenario sono previsti eventi legati al libro e alla figura di Tullia Zevi in molte città italiane.

L’autrice Puma Valentina Scricciolo, nata a Roma, vive a Perugia. Compiuti gli studi al liceo classico, ha conseguito una laurea Magistrale in Lettere con una tesi su Clara Sereni, stringendo amicizia con la scrittrice. Giornalista pubblicista iscritta all’Albo dell’Umbria, ha collaborato con Il Messaggero fino al 2009. Autrice di articoli e saggi su letteratura e arte, al momento svolge l’ultimo anno di dottorato in Scienza del libro e della scrittura, occupandosi di Clara Sereni. Per ali&no editrice ha partecipato al libro collettivo «Ricette per ricominciare. Quaranta autori in cucina per la ricostruzione del Centro Italia (2017)» il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza alla zone terremotate.

I commenti sono chiusi.