Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 12 agosto - Aggiornato alle 15:53

UmbriaLibri, via alle candidature per il primo direttore artistico. Spostata la tappa di Perugia

Sviluppumbria pubblica l’avviso. L’8 e 9 ottobre anteprima nel capoluogo e manifestazione vera e propria a fine mese. Confermate le date di Terni

Uno stand durante l'edizione 2018

di Daniele Bovi

Atteso da alcune settimane, è stato pubblicato nelle scorse ore l’avviso tramite il quale sarà individuato il direttore artistico di UmbriaLibri che così, dopo quasi 30 anni di storia, si doterà per la prima volta di questa figura. A occuparsi della procedura è Sviluppumbria che, per il secondo anno, collabora con la Regione per la realizzazione della manifestazione, alla quale lavorerà anche nel prossimo biennio. La decisione di dotarsi per la prima volta di un direttore è stata formalizzata a inizio luglio dalla Regione.

Nuove date L’edizione 2022 di UmbriaLibri è in programma a Perugia dal 7 al 9 ottobre e a Terni dal 2 al 4 dicembre; quindi, tenendo conto che per presentare le candidature ci sarà tempo fino al 26 agosto, il neo direttore avrebbe avuto pochissimo tempo per organizzare la manifestazione. Ecco perché nelle ultime settimane, secondo quanto appreso da Umbria24, è stato deciso di cambiare parzialmente strada: a Perugia l’8 e il 9 ottobre ci sarà una sorta di anteprima, durante la quale sarà consegnato anche il premio «Severino Cesari» (nei giorni scorsi sono stati selezionati i 13 finalisti della quinta edizione), mentre l’appuntamento perugino vero e proprio slitterà a fine mese. Nessun cambiamento invece ci sarà per quanto riguarda l’edizione di Terni, le cui date sono confermate.

Nuovo format La nomina del direttore è parte di un un più ampio ventaglio di azioni tramite il quale si punta a dare alla manifestazione «un nuovo format più articolato e ricco», in grado di portare UmbriaLibri «sullo stesso piano – scriveva la giunta settimane fa – di altri festival culturali nazionali». In questo quadro, tra le novità c’è il fatto che uno scrittore (il nome è ancora da individuare) soggiornerà in Umbria nel corso del mese di novembre con l’obiettivo di raccontare la regione. Tra i compiti del direttore (che guadagnerà 12 mila euro lordi nel 2022, 35 mila nel 2023 e altrettanti l’anno seguente) ci sarà quello di definire i programmi delle attività «in raccordo con Regione e Agenzia Umbria ricerche», e sarà responsabile «dello svolgimento della manifestazione sotto il profilo artistico».

Niente comitato Un’altra novità rispetto alla proposta operativa presentata da Sviluppumbria a luglio riguarda il «comitato consultivo», espressione di Regione, Sviluppumbria, Agenzia Umbria ricerche e Università, tutti soggetti coinvolti nell’organizzazione. Ora di questo comitato non si parla più e la sua istituzione, «considerati i tempi ristretti per l’organizzazione della manifestazione è eventualmente rinviata – scrive la giunta approvando la nuova proposta – agli anni successivi».

I commenti sono chiusi.