venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 12:43

Todi sotto i riflettori con la Guida di Repubblica: scoperte inedite per una città da visitare e gustare

Il 6 dicembre esce il nuovo volume delle celebri Guide dedicato alla città di Jacopone con interviste a illustri tuderti di nascita e di adozione

Copertina della Guida di Repubblica dedicata a Todi

di D.N.

Città unica. Scelta spesso tra i luoghi dove vivere da artisti e personaggi famosi. Ma rimasta sempre un po’ fuori dai circuiti che contano per poter fare invece, dal punto di vista turistico, un ulteriore salto di qualità. Ora in aiuto arriva anche una prestigiosa pubblicazione. Sarà infatti in edicola e in libreria dal 6 dicembre un volume che racconta la città di Todi attraversandone la bellezza, le ricchezze culturali e i sapori, anche grazie alla voce di decine di illustri tuderti di nascita o “di adozione”. Artisti e artigiani, nonne che aprono i ricettari di famiglia e chef del territorio: questo e molto altro nella Guida che poi sabato 7 dicembre sarà anche presentata nella Sala del Consiglio comunale (Palazzo del Capitano, piazza del Popolo 29, ore 17.30).

Todi inedita Todi come non è mai stata raccontata. Le sue bellezze paesaggistiche, i suoi tesori culturali, la forza dei suoi prodotti, l’attaccamento al territorio della sua gente, l’eccellenza dell’imprenditoria locale, il fascino della comunità di artisti che vive tra le storiche vie del centro e le incantevoli campagne che circondano l’acropoli.

Interviste Le Guide di Repubblica dedicano alla città un volume denso di storie e di voci, come quelle dei testimonial che aprono il volume, da Corrado Augias a Silvio Muccino, da Paolo Genovese a Pupi Avati; o come i 40 volti che animano la sezione I Love Todi, tra i quali Michele Zarrillo, Luisa Todini, Silvio Garattini, Adriana Asti, Giovanni Grasso, Ernesto Galli della Loggia, Carla Vangelista e Silvano Spada.

Visitare E allora ecco il racconto delle radici della città, dei suoi luoghi simbolo, come piazza del Popolo e i suoi palazzi, il duomo, il Tempio della Consolazione, la chiesa di San Fortunato, il parco della Rocca, i musei e i luoghi di ritrovo, fino alle chicche, ai dettagli dei portoni, alle tracce di Jacopone, alle teste apotropaiche che spuntano sugli edifici del centro, alle scuole storiche, come storiche sono le foto d’epoca che impreziosiscono il volume. Le appassionate tradizioni degli artigiani sono raccontate tramite ritratti inediti, così come ampio è lo spazio riservato ai grandi artisti che negli ultimi decenni hanno vissuto, e lasciato una grande eredità, in città. E allora Giuseppe Spagnulo e Nino Caruso, Piero Dorazio e Nino Cordio, per arrivare ai giorni nostri con Beverly Pepper e Bruno Ceccobelli, Lorenzo Bernardi e Bernardo Siciliano, solo per citarne alcuni.

Gustare Dal bello al buono, circa 100 i consigli sulle tavole imperdibili, le botteghe del gusto dove rifornirsi di specialità locali e dimore nelle quali prolungare la sosta. Spiccano i piatti della memoria, con le nonne di Todi e “castelli” che aprono le loro cucine, e i loro ricettari di famiglia, per proporre diverse versioni di palombe alla ghiotta e cappelletti in brodo, oca arrosto e maccheroni dolci, pasticci alla Jacopone e pizza “sotto ‘l foco”. I migliori chef del territorio presentano a loro volta ricette da riproporre a casa.

Itinerari Infine, l’area che circonda Todi è raccontata in 5 itinerari che toccano Orvieto e Spoleto, Assisi e Spello, Foligno, Torgiano, San Gemini e tutte le altre imperdibili mete di questo angolo di Umbria; agli itinerari seguono 150 consigli su dove mangiare, dormire e comprare. «Todi ha obblighi importanti con la storia», afferma nella sua introduzione il direttore delle Guide di Repubblica Giuseppe Cerasa: «Le sue origini etrusche, la sua collocazione geografica, la sua straordinaria capacità di conservare testimonianze splendide della stratificazione dei secoli, la sua disposizione ad evolversi lentamente senza perdere nulla in termini di diversificazione sociale e stile di vita, la sua capacità di attrarre genti da tutto il mondo che decidono di trascorrere gli anni migliori della propria esistenza tra le antiche mura e la suggestione dei borghi disseminati in campagne incantate e immortali. Adesso Todi deve recuperare la sua natura propulsiva sfidando la concorrenza su uno scacchiere planetario. Questa Guida di Repubblica vuole contribuire ad esaltare la storia di una città unica, ricca di personaggi, piena di suggestioni, forte di proposte enogastronomiche che possono riproiettarla in una competizione globale nella quale Todi a volte ha rischiato di rimanere fuori».

I commenti sono chiusi.