lunedì 17 dicembre - Aggiornato alle 20:12

Terni, torna la musica classica di Piedilucofestival: arriva il compositore canadese Schaffer

Note in riva al lago con l’iniziativa proposta dall’associazione Mirabil Eco

Piediluco

Tutto pronto per l’edizione 2018 di Piedilucofestival, il programma di eventi di musica classica presentato nella sala Pirro di Palazzo Carrara a Terni, sede dell’assessorato alla Cultura. La manifestazione, organizzata dall’associazione Mirabil Eco, giunta alla sua 26esima edizione, in programma dal 21 luglio al 27 agosto a Piediluco, torna anche quest’anno a riempire la suggestiva località turistica del comprensorio ternano con suoni e luci.

Il programma «Ancora una volta l’associazione Mirabil Eco – ha spieagto il vicesindaco di Terni Andrea Giuli, assesore alla Cultura – si è superata, come sua consuetudine, presentando un programma non solo lungo nel tempo ma anche ricco di iniziative di vario tipo e di alto livello». «La manifestazione, realizzata con il patrocinio e il contributo del Comune di Terni, della Regione Umbria, della Fondazione Carit e della Camera di Commercio di Terni – afferma la direttrice artistica del festival, Lucrezia Proietti – è dedicata alla musica classica e offre al pubblico appuntamenti ad ingresso gratuito».

I nomi Si conferma il successo dell’iniziativa ‘Orchestra in corso!’, a cura di Simone Genuini, direttore principale della Juniorchestra dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma, con la partecipazione di un’orchestra di ragazzi provenienti dalle regioni Umbria e Lazio. In prima assoluta italiana, il 22 luglio, Music for a wilderness lake del compositore canadese R. Murray Schaffer con dodici trombonisti dislocati sulle sponde del lago e coordinati da Ivo Nilsson, uno dei musicisti più attivi sulla scena internazionale della musica contemporanea. Un’intera giornata in cui musica e natura perderanno i confini l’una nell’altra. L’evento-reportage è patrocinato da Lega Ambiente. Il 30 luglio altro appuntamento con musica di suggestioni ambientaliste con il compositore americano George Crumb ed il suo Vox Baelenae per tre esecutori mascherati con la partecipazione del violoncellista Francesco Dillon. Otto le master class per i giovani musicisti e tenute dai docenti Pepicelli, Roccato, Giottoli, Camerini, Yoshikawa, Platoni, ognuna con concerti presso l’Auditorium di Santa Maria del Colle di Piediluco e al Chiostro di San Francesco di Leonessa. Altri concerti di musica di camera ed un incontro sulle origini del canto gregoriano presso il Santuario di San Francesco di Piediluco, il 5 agosto. Il concerto finale il 27 agosto è con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, con in programma il concerto di Schumann per pianoforte e orchestra e l’Italiana di Mendelssohn con Simone Genuini direttore e Lucrezia Proietti pianista, nella Chiesa di San Francesco di Terni.

I commenti sono chiusi.