venerdì 23 agosto - Aggiornato alle 00:11

Terni sotterranea, gallerie sotto piazza Tacito: museo della costruzione della fontana

Sognando turisti lungo il colonnato undeground: Comune pensa all’apertura dei locali tecnici

 

La città sotterranea novecentesca con le gallerie sotto piazza Tacito, potrebbe essere aperta alle visite e ospitare un museo sulla costruzione della fontana. Lo propone l’assessore ai lavori pubblici Enrico Melasecche, che di recente ha effettuato un sopralluogo con i tecnici comunali, mentre stanno per partire i lavori per il distacco dei mosaici e il definitivo recupero del monumento.
Colonnato underground «Sotto il grande catino della fontana di piazza Tacito – dice l’assessore Melasecche –  ci sono i locali tecnici che conservano ancora i grandi tubi in ghisa marcati Terni 1935 e le gigantesche pompe che facevano salire l’acqua in superficie. La nostra intenzione è di musealizzare questo spazio straordinario e di renderlo accessibile a tutti, ai ternani, innanzitutto, e poi ai turisti. Potremmo offrire la visita sotterranea alla fontana, arricchendo i locali con pannelli esplicativi posizionandoli in tondo lungo tutto il colonnato dei locali di servizio, con la proiezione di video d’epoca sui progetti per la piazza, sulla realizzazione della fontana e i bombardamenti, oltre che con ricostruzioni virtuali».
Museo della costruzione della fontana L’assessore Melasecche pensa anche di ampliare l’offerta progettando, insieme all’assessore al turismo Andrea Giuli, un sistema di visite guidate a diversi luoghi del centro cittadino, a cominciare dalla torre della Bibliomediateca, per la quale sono in corso i lavori di risanamento e da dove si può godere di una notevole vista su tutto il centro cittadino. «L’offerta potrebbe riguardare anche altre visite guidate creando così occasioni di lavoro per i nostri giovani: all’anfiteatro romano e alle strutture museali cittadine che già ci sono e a quelle per le quali si stanno mettendo a punto idee e progetti, come il museo delle armi e quello della cartolina illustrata. L’idea di fondo che ci muove è quella di immaginare, progettare e realizzare una città interessante per i visitatori, che offra curiosità, particolarità e bellezza, accompagnate da una affascinante narrazione dei luoghi, affidata a guide e a professionisti del settore e che quindi spinga i turisti a trascorrere una o più giornate nel nostro comprensorio».

I commenti sono chiusi.