Quantcast
lunedì 26 settembre - Aggiornato alle 07:53

Terni Falls Festival: «Ecco come Mary Shelley ha elaborato il suo capolavoro»

Le analisi della professoressa Marino e della psicologa Di Loreto nel bicentenario del passaggio della scrittrice alla Cascata

Come Mary Shelley ha iniziato a lavorare a quello che sarebbe poi diventato il suo capolavoro, ossia Frankenstein. Ma anche quanto questo testo interessa ognuno di noi e riguarda la vita di tutti. Il tutto con il coinvolgimento anche degli studenti. Prosegue con buon apprezzamento in città il Terni Falls Festival, che domenica 18 vivrà la sua giornata conclusiva.

La storia di Shelly Nei tre giorni di eventi diversi momenti culturali organizzati. Venerdì al circolo ‘Il Drago’ ecco il convegno dal titolo ‘Mary Shelley: da Frankenstein alla scrittura dell’Italia’, curato dalla professoressa Elisabetta Marino dell’Università di Roma Tor Vergata, con introduzione della docente di letteratura inglese Ilaria Schiarea. Il dibattito è stato anche impreziosito da una performance degli studenti del Liceo Angeloni di Terni che hanno riprodotto in lingua originale alcune scene del testo. Durante l’incontro la professoressa Marino ha spiegato come la Shelley abbia elaborato il suo capolavoro, e quanto di personale ci sia in quella storia. A partire dalla morte di sua madre pochi giorni dopo il parto.

La psicologia A seguire poi al Mishima, spazio a ‘Filosofia e psicologia in dialogo’, a cui hanno preso parte la psicologa Valeria Di Loreto, il filosofo Andrea Tortoreto, l’educatrice Roberta Rossi, con l’introduzione di Eleonora Angelelli, responsabile del progetto ‘Terni Plastic Free’. Alla lettura di un brano del romanzo da parte di Roberta Rossi è seguito l’intervento di Andrea Tortoreto incentrato sul perché il post umano ci riguarda, affrontando poi anche i temi della meraviglia e del sublime. L’aspetto psicologico del sublime ed il ricorso alla sublimazione come meccanismo difensivo evoluto e ad alto livello adattivo, sono stati invece i temi trattati da Valeria Di Loreto. La kermesse si conclude domenica con la ‘Passeggiata alla scoperta del centro storico di Terni, con gli occhi di Mary e Percy Shelley’, dalle 16 in piazza della Repubblica. Introducono Loretta Santini (associazione ‘La Pagina’) e Christian Armadori (presidente associazione ‘Porto di Narni, approdo d’Europa’). Con la partecipazione di un gruppo di cittadini immigrati di Arci Terni e gli studenti del Liceo Galilei di Terni.

I commenti sono chiusi.