martedì 23 luglio - Aggiornato alle 20:28

Terni, cinque giorni di aperture straordinarie per la mostra «Capolavori tra il ‘300 e il ‘500»

Orario più lungo durante le festività per San Valentino: già duemila visitatori in Fondazione Carit per Perugino e Pinturicchio

Apertura straordinaria per la mostra Presenze artistiche in Umbria. Capolavori dal ‘300 al ‘500 e la Galleria di Carta. Orario più ampio per l’esposizione che ha portato a Terni opere del Perugino e del Pinturicchio in vista delle festività valentiniane, patrono della città.

Aperture straordinarie In particolare a palazzo Montani Leoni, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni, che ha organizzato la mostra, sarà possibile accede da mercoledì 13 a domenica 17 dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19. La mostra ha già raccolto un grande successo di pubblico, facendo contare in due mesi e poco più oltre duemila visitatori. Come noto sono tre i protagonisti dell’esposizione: il Perugino, il Pinturicchio e Piermatteo d’Amelia, che hanno partecipato al cantiere della cappella Sistina di Roma. In particolare, a palazzo Montani Leoni si possono ammirare opere come la Madonna col Bambino e due cherubini del Perugino e Madonna col Bambino e san Giovannino del Pinturicchio, portate a Terni grazie alla collaborazione tra Fondazione Carit con la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Di grande rilievo anche il Sant’Antonio Abate in cattedra, proveniente dal Museo civico e archeologico di Amelia, attribuito a Piermatteo d’Amelia da Federico Zeri nel 1953.

I commenti sono chiusi.