Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 12 aprile - Aggiornato alle 07:51

Terni, ‘Bct a casa tua’ grazie ai volontari Cesvol: in due mesi consegnati 130 libri

Progetto per diffondere la cultura in tempi di pandemia: soggetti attuatori e i destinatari, come prenotare letture a domicilio

La Biblioteca comunale di terni

La solitudine e l’isolamento sono mostri da combattere, con le chiusure di teatri, cinema e biblioteche non è facile mantenere un rapporto con la cultura. La lettura di un buon libro o di un quotidiano può rassicurare, far sentire che non si è soli. ‘La Bct a casa tua’ è un progetto che tenta di accorciare le distanze, donare un pizzico di normalità alle persone costrette in casa in questo particolare momento di pandemia.

GIOVANI SPACCIATORI DI LIBRI

Il progetto L’obiettivo dell’iniziativa, partita a metà gennaio, è quello di garantire un ulteriore servizio di conforto alle tante persone sole della città, che possono trovare rifugio in una buona lettura.  In due mesi e mezzo Alberino, Nicoletta, Sara e Alessandro, volontari del Cesvol Umbria nell’ambito del progetto ‘Banca del tempo’, in collaborazione con la direzione Welfare del Comune di Terni, hanno consegnato a domicilio e poi ritirato 130 libri della biblioteca comunale di Terni. Un numero importante, che conferma che il progetto è stato molto apprezzato dagli amanti della lettura. I volontari stanno prendendo in carico le richieste di prestito e restituzione ritenute idonee in termini di prevenzione e sicurezza anticovid e si occupano anche della consegna a domicilio dei quotidiani sia a persone in isolamento contumaciale che ne fanno richiesta, sia ai destinatari della spesa e dei farmaci raggiunti a casa dalla rete del volontariato.Per richiedere libri e giornali basta telefonare, dal lunedì al venerdì, dalle 9 e 30 alle 12 e 30, ai numeri 0744 549052 oppure 0744 549073 o scrivere una mail all’indirizzo [email protected] indicando un recapito telefonico e il luogo della consegna.

Banca del tempo Si tratta di un percorso progettuale partecipato, avviato dall’amministrazione comunale, in particolare dall’assessorato alle politiche sociali e alla partecipazione che vede il coinvolgimento del CeSVol, come soggetto proponente e di altri attori attivi nel nostro territorio come Acli, Arci, Oratorio San Giovanni Bosco, il Palazzone, Centro Sociale Guglielmi. La Banca del tempo, iniziativa presente nel territorio già da giugno 2019, rappresenta uno strumento efficace con cui far incontrare, in modo organizzato, l’offerta del volontariato con le esigenze delle fasce più deboli. È finalizzata sia a mettere in rete tutte le iniziative e le disponibilità al volontariato, sia dei singoli cittadini sia delle associazioni, ma è anche essa stessa un elemento di promozione e valorizzazione del volontariato. Viene scambiato il tempo, si dà per ricevere, si chiede tempo per restituirlo. Si parla di reciprocità indiretta. Si possono mettere a disposizione attività, competenze, saperi secondo una modalità individuale, di gruppo, alla pari. L’inscrizione è singola, ma estesa anche a soggetti collettivi.

CeSVol Il Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Terni è stato istituito dalla Legge 266/91 (Legge quadro sul Volontariato) e le sue attività sono finanziate da un fondo speciale accantonato dalle Fondazioni di origine bancaria. Il CeSVol è una struttura operativa a disposizione del volontariato con la specifica funzione di sostenere e qualificarne l’attività. Ha il compito inoltre di promuovere, nel territorio, la cultura e le iniziative di solidarietà. È stato fondato da sette organizzazioni di volontariato nel 1997. Ha iniziato la sua attività il 10 ottobre del 1998 con l’apertura degli sportelli di Terni, successivamente sono stati attivati altri tre sportelli: Orvieto, Narni ed Amelia.
Oggi conta 291 associazioni iscritte che condividono, consigliano e aiutano il Centro nella sua crescita e nel suo potenziamento. La sede operativa della provincia di Terni si trova presso il centro civico di socialità ‘Polis’, inaugurato a febbraio del 2006 e rappresenta il luogo dove è possibile trovare una risposta alle esigenze delle numerose associazioni di volontariato che operano nel territorio provinciale.

I commenti sono chiusi.