venerdì 13 dicembre - Aggiornato alle 10:41

Teatro Torti, a Bevagna torna la stagione di prosa tra contemporaneo e classicità: spazio anche alla danza

‘Commedia con schianto’ di Liv Ferracchiati apre il cartellone «in uno dei teatri più belli del patrimonio artistico regionale»

Commedia con schianto (foto Andrea Macchia)

di D.N.

«Siamo felici di rinnovare anche quest’anno l’impegno del Teatro Stabile dell’Umbria per la realizzazione della Stagione di Prosa di uno dei teatri più belli del patrimonio artistico e culturale della regione». Il direttore Nino Marino spiega così la collaborazione e annuncia con queste parole la stagione del Teatro Torti di Bevagna.

Al via con Ferracchiati Il cartellone, pensato insieme al Comune di Bevagna, prevede come primo spettacolo, mercoledì 20 novembre, ‘Commedia con schianto’ di Liv Ferracchiati, artista che negli ultimi anni ha ricevuto numerosi riconoscimenti e ha fatto parlare di sé per il suo talento prolifico: è stato tra i pochi giovani artisti italiani presentati al Festival Internazionale della Biennale di Venezia Teatro e recentemente è stato applaudito a Parigi al Teatro de la Ville per il Festival Chantiers. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria che ha accompagnato praticamente fin dagli esordi il giovane regista e autore.

Prosa e danza Domenica 15 dicembre, con ‘Variegato. Varietà di suoni e di parole’ il Trio le Capinere porta il pubblico in un mondo fatto di teatro, canto, poesia, proiezioni cinematografiche, trasformismo, immagini, ritmi, sonorità romantiche e pittoresche e ben diciotto personaggi interpretati che si alternano sul palcoscenico, creando quadri emozionali sempre diversi per uno spettacolo dinamico, intenso, travolgente e vivace. Giovedì 13 febbraio, Elsa Schiaparelli, fra le più grandi stiliste di tutti i tempi, rivive in teatro grazie a ‘Schiaparelli life’, regia di Carlo Bruni. Italiana, nata a Roma, in una famiglia colta e ricca di talenti, protagonista fra le due guerre di quella rivoluzione del costume che avrebbe ispirato molte generazioni future, amica e collaboratrice di artisti come Dalì, Cocteau, Aragon, Ray, Clair, Duchamps, Sartre, dopo aver vestito Katharine Hepburn, Lauren Bacall, Greta Garbo, Marlene Dietrich, Elsa decide che quel “nuovo” mondo non la riguarda più e lo lascia, ritirandosi a vita privata. Sabato 29 febbraio, Geppy Gleijeses e Vanessa Gravina, diretti dalla regista di fama internazionale Liliana Cavani, sono gli straordinari protagonisti di in uno dei più famosi classici del novecento, ‘Il piacere dell’onestà’ di Luigi Pirandello. Venerdì 27 marzo, il bellissimo ed emozionante spettacolo del Collettivo Controcanto affronta il tema del perdono e della sua possibilità nelle relazioni umane, ‘Settanta volte sette’. Venerdì 3 aprile Rondine Balletto di Assisi, nell’ambito dei percorsi didattici di Ateatroragazzi, presenta due matinée dal titolo ‘La bella, il fuso e il bosco addormentato’, un suggestiva rilettura della famosa fiaba La bella addormentata. Il giorno dopo, sabato 4 aprile, in chiusura di Stagione, i danzatori solisti del Balletto di Assisi, con Galà di Danza daranno vita a una serata con brani tratti da celebri titoli del repertorio classico, accanto a brani di grandi coreografi del Novecento. Info: 0742361847.

I commenti sono chiusi.