Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 16 gennaio - Aggiornato alle 20:40

Teatro degli Illuminati di Città di Castello: con il nuovo anno in arrivo gli spettacoli della stagione di prosa

Dopo l’anteprima dello scorso 20 dicembre ecco il cartellone ancora all’insegna della qualità per dare un segnale di fiducia a tutto il mondo della cultura

Valentina Lodovini

“Il pubblico tifernate potrà tornare nel nostro rinnovato Teatro comunale degli Illuminati con una stagione di prosa di grande qualità, alla quale tenevamo moltissimo e che abbiamo voluto fin dal primo giorno dell’insediamento della nuova giunta per dare un messaggio di fiducia a tutto il mondo della cultura cittadino, convinti che talento e arte possano essere più forti anche della pandemia”. L’assessore alla Cultura Michela Botteghi presenta così la stagione di prosa 2021-2022 del Teatro comunale degli Illuminati insieme al direttore del Teatro Stabile dell’Umbria Nino Marino e alla responsabile della programmazione artistica Bianca Maria Ragni. Un cartellone di otto spettacoli con alcuni dei nomi più importanti del circuito nazionale, due esclusive regionali.

Presentazione “Una stagione che riprende in corsa ma con altissima qualità, all’insegna di una collaborazione con l’amministrazione comunale che è stata orientata a offrire al pubblico una programmazione eterogenea, con grande interpreti e storie emozionanti, fatta apposta per chiamare di nuovo a teatro gli appassionati, che siamo sicuri torneranno con entusiasmo a seguire i nostri spettacoli”, ha sottolineato il direttore Marino, mentre la responsabile del circuito Ragni ha evidenziato la parola d’ordine “varietà” nell’allestimento del cartellone, segnalando “la particolare attenzione riservata ai giovani delle scuole, che a Città di Castello hanno sempre risposto bene alla nostra proposta artistica, ai quali sarà riservata una formula promozionale in abbonamento con cinque spettacoli al prezzo d’ingresso singolo di 8 euro”. A nome di Sogepu, che gestisce il Teatro comunale degli Illuminati e ha investito negli ultimi anni circa 100 mila euro in un restyling completo a beneficio del comfort degli spettatori, della qualità acustica e illuminotecnica, l’amministratore unico Goracci ha richiamato l’attenzione sul fatto che “in un mese dall’insediamento la nuova giunta sia riuscita a creare le condizioni per offrire una stagione di prosa di alto profilo, che va nella direzione da tutti noi auspicata di veder tornare il pubblico in un teatro nel quale sarà adeguatamente garantito il rispetto dei protocolli Covid-19 per la sicurezza degli spettatori”.

Il cartellone L’anteprima della stagione di prosa 2021-2022 è stata affidata lunedì 20 dicembre 2021 allo spettacolo “Raffaello, il figlio del vento”, un racconto avvincente e poetico dedicato al grande protagonista del Rinascimento Raffaello Sanzio con Matthias Martelli. Domenica 16 gennaio 2022, alle ore 17.00, Giuseppe Pambieri e Carlo Greco, diretti da Moni Ovadia, saranno i protagonisti di “Nota stonata” di Didier Caron. Premiata come migliore spettacolo al 54° Festival di Borgio Verezzi, la pièce racconta un celebre direttore d’orchestra che riceve in camerino un assillante fan: poco alla volta, dal confronto tra i due, emergono i fantasmi di un torbido passato. Giovedì 27 gennaio, alle ore 21.00, in occasione del Giorno della Memoria, la compagnia teatrale Politheater, con la regia del grande artista di origine australiana Neville Tranter, porterà in scena “Bubikopf: tragedia comica per pupazzi”, un’innovativa e sorprendente produzione, nella quale la poetica magia del teatro di figura trova la sua massima espressione. Martedì 1 febbraio, alle ore 21.00, in esclusiva regionale, Valentina Lodovini arriverà a grande richiesta a Città di Castello con “Tutta casa, letto e chiesa”, tratto dal popolare testo di Dario Fo e Franca Rame, uno spettacolo sulla condizione femminile, in particolare sulle servitù sessuali della donna, dove si ride (e molto). Martedì 22 febbraio, alle ore 21.00, sarà la volta di “Ditegli sempre di sì”, uno dei primi testi scritti da Eduardo De Filippo, portato in scena da un folto cast di attori straordinari. Una commedia vivace e divertente in cui lo spettatore si ritrova irresistibilmente proiettato nel pastiche. Mercoledì 9 marzo, alle ore 21.00, andrà in scena lo spettacolo di successo prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria “La signorina Giulia” di August Strindberg, con Giuliana Vigogna, Christian La Rosa, Ilaria Falini, con l’adattamento e la regia di Leonardo Lidi, vincitore a soli trentadue anni del Premio della Critica 2020 dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro. In esclusiva regionale, sabato 26 marzo alle ore 21.00, Marisa Laurito, insieme a Giovanni Anzaldo, Giancarlo Nicoletti e Livio Beshir, porterà in scena “Persone naturali e strafottenti”, l’opera più̀ controversa e fra quelle di maggiore successo di Giuseppe Patroni Griffi: una tragicommedia cruda, poetica ed esilarante, fra situazioni grottesche, cinismi, ironia tagliente e surrealismo. Sabato 9 aprile, alle ore 21.00, la Stagione si chiuderà nel segno della danza con un’altra esclusiva regionale, “Love poems”, in cui MM Contemporary Dance Company, diretta dal coreografo Michele Merola, presenterà una serata composta da tre diversi brani: “Duo d’Eden”, “Brutal Love Poems”, “La metà dell’ombra”.

I commenti sono chiusi.