Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 12 agosto - Aggiornato alle 16:47

Suoni Controvento, Fiorella Mannoia attesa in Valsorda: «Due ore per ridere, commuoversi e pensare»

L’artista ripercorre la sua carriera e presenta il concerto in Umbria per una tappa estiva del tour ‘La Versione di Fiorella’ che prende il nome dalla fortunata avventura televisiva

Fiorella Mannoia (foto di Francesco Scipioni)

Suoni Controvento, festival estivo di arti performative, propone ancora suggestivi appuntamenti per i prossimi giorni. Connubio di arte e natura con la performance letteraria “Natura Homo Est” con Caterina Fiocchetti a Pian di Monte, un originale trekking con delitto a Norcia, il Quartetto d’archi del Conservatorio Morlacchi a Gualdo Tadino e la dirompente Karima a Montefalco. Ma l’attesa di questo fine settimana è per la tappa del tour estivo di Fiorella Mannoia al pianoro del laghetto di Valsorda (7 agosto, ore 17.30).

Due ore di concerto Tornare finalmente sul palco con un tour estivo la rende molto felice: “Dopo due anni e mezzo finalmente possiamo ricominciare una vera tournée che purtroppo non avevamo potuto fare per i motivi che conosciamo. Certo, con quello che sta succedendo non siamo nello spirito migliore, ma questo è il nostro lavoro e tutti lavorano nonostante quello che sta accadendo. Il nostro mestiere è questo e cerchiamo di intrattenere la gente e dare delle emozioni perché è quello che sappiamo fare”. Sullo spettacolo aggiunge: “Spero che siano due ore di emozioni in cui come sempre ci si divertirà, commuoverà e si rifletterà su tanti argomenti. È un po’ la prerogativa di tutti i miei concerti: si ride, ci si commuove, si pensa”.

La versione di Fiorella In merito all’avventura televisiva con “La Versione di Fiorella”, da cui ha preso il nome anche il tuor, afferma: “Durante le registrazioni del programma inaspettatamente mi sono trovata a cantare canzoni che non avevo mai cantato, che mi ha fatto piacere cantare e che quindi riporterò sul palco”.

Incredibile carriera Tanti i ricordi della sua incredibile carriera, con traguardi raggiunti ma anche tanta voglia di andare avanti: “In questi cinquant’anni di carriera ho avuto molto di più di quello che avrei mai potuto immaginare nei miei sogni di ragazza. Ho cantato con i più grandi artisti italiani e ho cantato le canzoni dei più grandi artisti italiani. Perciò non c’è niente che io possa ancora desiderare. E ancora non è finita perché cambiano le generazioni e continuo a collaborare con gli artisti, anche con quelli di nuova generazione. Credo di aver raggiunto tutto i traguardi che neanche immaginavo di poter raggiungere. Continuo a fare il mio mestiere e sono sempre a caccia di belle canzoni perché noi viviamo di belle canzoni, se non abbiamo le canzoni non andiamo da nessuna parte”.

Leggere Importante anche il suo impegno come donna, autrice, interprete nella musica e nella vita sociale e politica, e parlando di giovani afferma: “Non amo dare consigli, ognuno deve fare la propria strada. L’unica cosa che posso dire, non solo alle giovani donne ma ai giovani in generale, è ‘leggete’. Perché se non leggete non scrivete e non cantate perché per capire determinate canzoni e per poter scrivere determinate canzoni ci vuole un bagaglio culturale che solo la lettura può dare”.

I commenti sono chiusi.