Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 1 ottobre - Aggiornato alle 03:58

Stagione lirica, lo scandaloso ‘Don Giovanni’ contemporaneo di Brockhaus arriva al Morlacchi

Dopo le prime esecuzioni a Spoleto ora il nuovo allestimento dell’opera di Mozart arriva per due serate nel teatro perugino, tra corpi nudi e sano erotismo

Don Giovanni, foto Ludovica Gelpi

di Dan. Nar.

Un Don Giovanni tra corpi nudi e “sano” erotismo. Questa la ricetta del regista Brockhaus, in un allestimento visionario dove la donna è vittima del maschilismo del protagonista. Pepato, a tratti scandaloso. Lunghi applausi per le prime repliche a Spoleto dell’attesissimo Don Giovanni di Mozart, firmato da Henning Brockhaus. Dopo le tre recite al Teatro Nuovo di Spoleto dello scorso week end ora in arrivo altre due al Teatro Morlacchi di Perugia nei giorni di lunedì 19 e martedì 20 settembre alle ore 20.30.

Regia spinta Lo spettacolo ha colpito il numeroso pubblico presente sia dal punto di vista musicale, grazie alla solida direzione di Salvatore Percacciolo, sia drammaturgico. La regia di Henning Brockhaus si è rivelata spinta, ma al contempo complessa e articolata, con un allestimento scenico ricco di dettagli in cui la rottura della “quarta parete” – che simbolicamente separa il pubblico dalla scena – ha dato ulteriore dinamicità allo spettacolo. Le luci di Eva Bruno, i costumi dello spoletino Giancarlo Colis e le coreografie di Valentina Escobar hanno saputo rendere al meglio l’idea registica con sapiente maestria. Orchestra e Coro del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”. Maestro al cembalo Davor Krkljus. Maestro del coro Mauro Presazzi. Maestri collaboratori Carolina Benedettini, Matteo Giorgetti e Mijeong Kim.

Don Giovanni pepato Ma questo si sa è Don Giovanni, il seduttore dei seduttori che – nella musica di Mozart su libretto di Da Ponte – non può essere che il perfetto maschilista. Una storia che nei secoli si ripete fino ad oggi, dove la donna per Don Giovanni è solo da sedurre, mai da amare e rispettare. Il regista Henning Brockhaus parte da queste presupposto storico per inanellare un racconto drammaturgico già scritto dal librettista Da Ponte: «Madamina, il catalogo è questo / delle belle che amò il padron mio; / un catalogo egli è che ho fatt’io: / osservate, leggete con me. / In Italia seicento e quaranta, / in Lamagna duecento e trentuna, / cento in Francia, in Turchia novantuna, / ma in Ispagna son già mille e tre». E tante sono le belle donne che Don Giovanni attira e seduce, tra coreografie apparentemente pudiche e movimenti sensuali, in una scena apparentemente caotica, ma studiata nei minimi dettagli dopo un intenso mese di prove con coriste, mimi, ballerine e i giovani protagonisti che stanno al gioco. Eros trasuda in tutto lo spettacolo, perfettamente aderente con la musica di Mozart. Ovviamente non tutto è stato all’inizio accettato dai protagonisti, ma con i giusti compromessi lo spettacolo sta andando in scena.

Protagonisti Sul palcoscenico i cantanti vincitori o idonei dei Concorsi “Comunità Europea” per giovani cantanti lirici di Spoleto 2021 e 2022, oltre a quelli che la Direzione artistica ha selezionato tra i cantanti che si sono presentati alle audizioni e cantanti vincitori delle scorse edizioni: Alberto Petricca (che si alternerà nelle prossime recite con Milan Perišić e Davide Peroni) nella parte di Don Giovanni; Matteo Lorenzo Pietrapiana (che si alternerà con Alfonso Michele Ciulla) nella parte di Leporello; Sara Cortolezzis (che si alternerà con Maria Stella Maurizi) nella parte di Donna Anna; Alessia Merepeza (che si alternerà con Tosca Rousseau) nella parte di Donna Elivra; Roberto Manuel Zangari (che si alternerà con Nicola di Filippo) nella parte di Don Ottavio; Elena Finelli (che si alternerà con Elena Antonini ed Elena Salvatori) nella parte di Zerlina; Davide Romeo (che si alternerà con Kyle Patrick Sullivan) nella parte di Masetto; Giacomo Pieracci (che si alternerà con Ferruccio Finetti) nella parte del Commendatore. Insieme a loro le ballerine figuranti Asia Musco, Loredana Muzzi, Giulia Tizi e Maria Vittoria Tulli e i mimi Francesco Filippucci e Giacomo Prette.

Non è per tutti ma può esserlo I biglietti sono acquistabili presso le rivendite autorizzate Ticket Italia e online al seguente link: https://www.tls-belli.it/stagione-lirica-2022. Per informazioni scrivere a [email protected] oppure chiamare i numeri 0743.222889 / 338.8562727 / 0743.221645. La direzione del Teatro Lirico Sperimentale fa sapere che in merito allo spettacolo Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart con la regia e l’allestimento di Henning Brockhaus e i costumi di Giancarlo Colis il M° Zurletti, Direttore artistico dello Sperimentale, ha affermato che “lo spettacolo non è adatto ai minori di 18 anni”. Ad ogni buon conto i genitori o chi esercita la patria potestà potrà accedere allo spettacolo Don Giovanni con il figlio/figlia minore sottoscrivendo un modulo disponibile presso il botteghino del teatro, che esonera da ogni e qualsiasi responsabilità il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”.

I commenti sono chiusi.