mercoledì 18 settembre - Aggiornato alle 09:10

Spettacolo della Cascata e suggestione dei borghi in un volto, quello di ‘Madonna Valnerina’

Al via il concorso aperto a fotografi e pittori e alle scuole secondarie di primo e secondo grado

Via al concorso per scegliere il viso di ‘Madonna Valnerina 2020’. Il volto di chi rappresenterà ogni anno la valle del Nera sarà ‘orribilmente bello’. Dovrà suscitare le emozioni che evocano la forza e lo spettacolo della Cascata, il silenzio e le suggestioni dei borghi medievali, l’incanto delle acque, la purezza della natura. Giampiero Raspetti, fondatore dell’associazione culturale La Pagina, sintetizza così il significato del concorso aperto a fotografi e pittori e alle scuole secondarie di primo e secondo grado che, entro il primo dicembre, possono consegnare foto e ritratti per partecipare alla prima edizione del concorso.

Concorso «Quella della Valnerina è, per i suoi problemi storici e le sue inespresse risorse, una comunità che si cerca – dice Raspetti – e che prova a costruire un futuro comune. Una grande operazione di identità e di progetto ha bisogno di un’icona che ne simboleggi il significato più profondo, con un messaggio che sappia parlare al cuore, al sentimento, alla fantasia. Madonna Valnerina, nella sua incarnazione reale e pittorica, vuol rappresentare simbolicamente la forza generatrice della donna. Le due Madonne Valnerina, una sorta di fonte d’ispirazione emotiva ed un segno distintivo di grazia e di bellezza, evocando i caratteri della Valle della Nera, accompagneranno le sue genti nel percorso di rinascita e di sviluppo lungo il quale sono incamminate. Unificare, per noi dell’associazione La Pagina, per Fabrizio Pacifici e la sua fondazione Aiutiamoli a vivere, per Paola Pignocchi e la sua TernixTerni Donna e per tutte le altre associazioni unite nella collaborazione, questo nostro meraviglioso lembo di terra significa partire dal riconoscimento più alto e sentito che si possa assegnare alla nostra compagna di vita: cogliere nel viso di chi rappresenterà ogni anno la Valnerina i suoi bagliori, i suoi silenzi, i suoi sapori, la sua musica, l’incanto delle acque».

Per informazioni, regolamento e iscrizione Associazione culturale la pagina 348 2401774 – 333 7391222 – 0744 1963037, Aistel aps nazionale 329 5343332, Fondazione Aiutiamoli a vivere 0744 279560.

I commenti sono chiusi.