lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 03:03

Il sogno hollywoodiano della città del Festival dei Due Mondi: Spoleto e il suo legame con cinema e attori

Durante l’incontro si ripercorreranno momenti ed episodi che dal 1940 ad oggi hanno visto protagonisti a Spoleto personaggi e star del cinema nazionale ed internazionale

Brigitte Bardot a Spoleto nel 1961 (foto Virgilio Massani)

di Dan. Nar.

Da Alida Valli a Liz Taylor, Richard Burton, da Marcello Mastroianni a Brigitte Bardot, da Luchino Visconti a Franco Zeffirelli, da Alberto Sordi a Monica Vitti: sono tanti i personaggi e le star del cinema nazionale ed internazionale che dal 1940 sino ad oggi sono stati protagonisti a Spoleto. A ripercorrere momenti ed episodi che li riguardano, fino ai recenti set per le riprese della serie tv ‘Don Matteo’ con protagonisti Terence Hill e Nino Frassica e del film ‘Copperman. La straordinaria vita di Anselmo’ con protagonisti Luca Argentero e Galatea Ranzi in corso di lavorazione, sarà l’incontro organizzato al Centro culturale Poli D’Arte in Piazza della Signoria a Spoleto, venerdì 24 agosto alle ore 17. ‘Il sogno hollywoodiano della città del Festival dei Due Mondi’ è il titolo scelto per la conferenza a cura di Antonella Manni, autrice di volumi sulla storia del Festival dei Due Mondi e del libro ‘Spoleto Cinema 1969-1971, mito e miti della settima arte nella città del Festival dei Due Mondi’.

Storia e aneddoti È ricco di spunti infatti il legame tra Spoleto e il cinema e soprattutto con importanti protagonisti della settima arte che nel corso degli anni sono passati qui nel cuore dell’Umbria. Tra storia ed aneddoti, verranno infatti riscoperti anche momenti di notevole importanza per la caratura delle personalità coinvolte, ovvero l’attività dell’Ente Spoleto Cinema che dal 1969 si protrasse sino al 1971 sotto la direzione artistica di Gian Luigi Rondi, presieduto da Luchino Visconti e che annoverò nel consiglio di presidenza, oltre a Gian Carlo Menotti, Federico Fellini, Franco Zeffirelli, Suso Cecchi D’Amico, Massimo Bogianckino, Pierpaolo Pineschi e Mario Natale. L’Ente Spoleto Cinema venne istituito a Spoleto per promuovere la cultura cinematografica in Italia ed il cinema italiano all’estero e si configurò anche quale primo tentativo di destagionalizzare i grandi eventi culturali nella città del Festival dei Due Mondi. Si trattò di un progetto ambizioso, promosso da Loreto Luchetti, allora presidente dell’Azienda autonoma di cura, soggiorno e turismo di Spoleto che portò ad ospitare nel 1969 una edizione dei ‘Globi d’Oro’, premio annuale della Stampa Estera al cinema italiano, e alla organizzazione, tra le altre iniziative, di due importanti edizioni del Premio Spoleto Cinema che videro coinvolti i principali protagonisti del cinema di quegli anni, tra gli altri, Alberto Sordi e Monica Vitti, i registi Gillo Pontecorvo ed Ermanno Olmi.

Spoleto e il cinema Durante l’incontro si ricostruirà, infine, anche il contesto storico in cui, dai primi anni del ‘900, ha avuto inizio e si è poi evoluto nel tempo il rapporto tra il mondo del cinema e la città di Spoleto, sia nel progressivo arricchirsi e mutare delle strutture adibite a sale cinematografiche, sia nella promozione della città quale set per una cinquantina tra film e fiction dal 1940 ad oggi, passando (solo per citarne alcuni) dalla produzione italo-tedesca ‘I pagliacci’ con Beniamino Gigli ed Alida Valli, a ‘Vita privata’ di Louis Malle con Brigitte Bardot e Marcello Mastroianni, da ‘Metti una sera a cena’ con Florinda Bolkan e Tony Musante a ‘Io e mia sorella’ di e con Carlo Verdone e Ornella Muti fino al più recente film per la tv ‘Francesco’ di Liliana Cavani e, appunto, alla fiction ‘Don Matteo’ con protagonista Terence Hill e al film ‘Copperman. La straordinaria vita di Anselmo’ con protagonisti Luca Argentero e Galatea Ranzi.

I commenti sono chiusi.