Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 08:14

‘Sagra musicale umbra’, l’edizione 2020 al via dai giardini del Frontone: Beethoven e contaminazioni

Inizia la rassegna con l’Orchestra da camera di Perugia diretta da Bronzi e il violoncellista Gnocchi. Quasi tutti i concerti già sold out. Al centro «la libertà sopra ogni cosa»

Orchestra da camera di Perugia e Bronzi

di D.N.

Il 3 settembre prende il via a Perugia, alle ore 21 ai Giardini del Frontone, la settantacinquesima edizione della Sagra Musicale Umbra: ‘Ludwig. La libertà sopra ogni cosa’. La fortissima impronta filosofica di Ludwig van Beethoven fa delle sue composizioni la colonna sonora del pensiero libertario che accompagnò l’Europa a cavallo tra ‘700 e ‘800. Questo è il filo conduttore della Sagra Musicale Umbra 2020. Un omaggio nell’anniversario dei 250 anni dalla nascita del grande compositore, un approfondimento per cercare insieme al pubblico i motivi e le sfaccettature del suo grande successo e della sua costante attualità. E l’apertura della rassegna è con un concerto che è soprattutto un simbolico ringraziamento beethoveniano per la guarigione, oltre che con la forte impronta iconosclasta di Gulda. Protagonisti l’Orchestra da Camera di Perugia diretta dal maestro Enrico Bronzi e il violoncellista Giovanni Gnocchi.

Sforzi ripagati Il fascino della Sagra, il suo programma – stilato dal direttore artistico Enrico Bronzi – attento al contemporaneo come al classico di altissima qualità, ha permesso di registrare un enorme successo di prevendita di biglietti per tutti i 10 giorni della manifestazione (sono 17 i concerti in cartellone dal 3 al 13 settembre tra Perugia, Spoleto e Norcia). Pochissimi i tagliandi ancora disponibili (per info 075 572 22 71 / www.perugiamusicaclassica.com), molti i concerti già sold out. “La necessità di organizzare un evento in massima sicurezza ha imposto delle location con capienza ridotta. In tantissimi ci hanno comunque ringraziato per aver organizzato la Sagra in un momento storico così particolare. Siamo commossi da tanto affetto e onorati del successo che ha avuto la prevendita che premia gli incredibili sforzi fatti finora”, dichiarano dallo staff della Fondazione Perugia Musica Classica Onlus.

Beethoven per un incerto presente La Sagra si apre quindi con la dedica che Ludwig van Beethoven inviò per un canone a quattro voci nel maggio 1825 al suo medico curante: “Il dottore sbarra la porta alla morte, la musica aiuta anche nel momento del bisogno”. L’attualità della Canzona di ringraziamento, estratto dal Quartetto op.132 di Beethoven nella versione per orchestra d’archi, ci conduce ad una delle pagine più intense della sua intera produzione, rarissima occasione di quando la musica fa un riferimento esplicito alla sua vita personale (una malattia infiammatoria gli impedì di comporre per mesi). Grazie alla sua tensione drammatica e insieme di grande speranza, la Canzona oggi può essere interpretata come rito laico collettivo proiettato nel nostro incerto presente; il brano eseguito dall’Orchestra da Camera di Perugia diretta dal Maestro Enrico Bronzi è un simbolico abbraccio all’affezionato pubblico della musica ritrovato con profonda gioia dopo tanto tempo.

Gulda e le contaminazioni Seguirà la prima pittoresca incursione all’interno della rassegna con la visionaria “contaminazione” di Friedrich Gulda: Concerto per violoncello e orchestra di fiati (1980) dove il violoncellista Giovanni Gnocchi, accompagnato dall’Orchestra da Camera di Perugia diretta dal Maestro Enrico Bronzi si produrranno in un esperimento sfavillante, provocatorio e geniale sui linguaggi della musica e sui cortocircuiti che ne possono scaturire. Gulda, pianista dalla forte impronta iconoclasta, coltivava un grande interesse per il jazz e le musiche di tradizione non colta. Il pezzo proposto, composto nel 1980, mescola generi e sfida le convenzioni. Dentro i suoi cinque movimenti si trova di tutto un po’, dal rock alla disco dance, dal jazz alla musica popolare e bandistica, dallo stile viennese al gusto iberico, dal taglio romantico a quello ironico.

I commenti sono chiusi.