sabato 16 dicembre - Aggiornato alle 23:22

Rocca di Spoleto si accende con opere luminose e colorate: ecco Lightquake

Opere negli spazi interni ed esterni della castello albornoziano, giovedì è il turno di Palazzo Ducale a Gubbio

Accesa alla Rocca di Spoleto la prima delle due serie di installazioni luminose e opere interattive. Tra le sale del castello albornoziano da martedì pomeriggi si ammirano giochi di lui, colori ed effetti sensazionali realizzati da artisti italiani contemporanei. L’appuntamento sarà doppio dal 7 dicembre, quando anche il Palazzo Ducale di Gubbio si accenderà per l’esperienza percettiva di qualità, che mette in relazione le due città umbre col progetto Lightquake 2017.

LIGHTQUAKE 2017 ALLA ROCCA: FOTOGALLERY

Rocca di Spoleto si accende con opere luminose e colorate Attraverso le opere di light art e black light art il pubblico sarà stimolato a una differente percezione della luce, come veicolo di messaggi emotivi e culturali, con una forma di comunicazione immediata e partecipativa. In particolare le opere di black light, la luce nera, confermeranno che Il buio non esiste, è soltanto l’assenza della luce. La black light, una radiazione ultravioletta che non è direttamente percepita dall’occhio, si evidenzia solo quando colpisce superfici coperte da particolari pigmenti: le opere sembrano così emergere dal buio, creando un particolare impatto emotivo. Il nucleo degli artisti a Spoleto è composto da: Mario Agrifoglio, Nino Alfieri, Alessio Ancillai, LeoNilde Carabba, Claudio Sek De Luca, Giulio De Mitri, Nicola Evangelisti, Maria Cristiana Fioretti, Federica Marangoni, Yari Miele, Ugo Piccioni, Sebastiano Romano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *