Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 gennaio - Aggiornato alle 05:38

Rassegna cinematografica su Satoshi Kon al cinema Méliès

Satoshi Kon al cinema in Italia: quattro serate per quattro grandi thriller di animazione giapponese, organizzate da associazione Metanoia

La locandina creata da Metanoia

di Elle Biscarini

Associazione Metanoia e Cinema Méliès propongono una rassegna su Satoshi Kon, regista, sceneggiatore, character designer e fumettista giapponese, scomparso nel 2010. Ogni martedì alle 21, la programmazione prevede quattro lungometraggi del regista, due dei quali mai proiettati prima in un cinema italiano. Di seguito il programma completo.

Perfect blue La rassegna si aprirà martedì 6 dicembre alle 21 con ‘Perfect blue‘, film d’animazione giapponese del 1997 diretto da Satoshi Kon al suo debutto come regista. Il film racconta la storia di Mima, una cantante pop in Giappone, una ‘idol’ come vengono chiamate, che decide di lasciare la sua band per iniziare una carriera come attrice. L’immagine innocente e zuccherosa della ragazza si infrange quando Mima deve recitare in scene di violenza, e per questo il suo seguito di fan non la perdonerà. Considerato il primo psycho thriller animato, ‘Perfect blue’ sconvolge l’animazione ridefinendo i confini del medium.

Millennium actress  Martedì 13 dicembre, al Méliès si proietta ‘Millennium actress‘, film d’animazione del 2001, il secondo diretto dal regista giapponese. Il protagonista è Genya Tachibana, direttore di uno studio televisivo, intenzionato a realizzare un documentario sulla ex-stella cinematografica Chiyoko Fujiwara, ormai settantenne. Il direttore pertanto, decide di raggiungerla presso la sua abitazione situata in un luogo isolato dal mondo. La bellissima Chiyoko ha difatti scelto di ritirarsi nell’anonimato senza un vero e proprio motivo dopo una lunga e prolifica carriera. Giunti a casa dell’anziana donna, Genya, che aveva già lavorato in passato con Chiyoko, si fa trasportare dal racconto della donna che mischia vita privata ad aneddoti relativi al proprio lavoro, fino a confondere sempre più le esperienze personali con le trame di tutti i suoi film. Un mix di azione, suspence e mistero, intrecciati con la Storia reale e i drammi sentimentali dei personaggi.

Tokyo godfathers Martedì 20 dicembre, poco prima di Natale, arriva la fiaba per adulti ambientata tra i senzatetto della metropoli Tokyo. Il film d’animazione del 2003 è il terzo diretto da Satoshi Kon, co-diretto da Shōgo Furuya. Alla sceneggiatura ha preso parte anche Keiko Nobumoto, famosa per aver sceneggiato la famosa serie anime ‘Cowboy Bebop‘. Il film è ispirato all’opera letteraria di Peter B. Kyne, ‘Three godfathers‘ del 1913, e in particolare a uno dei suoi adattamenti cinematografici, il film ‘In nome di Dio‘ del 1948 di John Ford. ‘Tokyo godfathers‘ parla di tre senzatetto che trovano una neonata abbandonata in mezzo all’immondizia, alla vigilia di Natale, e del loro tentativo di riportarla dai genitori. Una commedia drammatica che parla di amore e del significato degli affetti.

Paprika – sognando un sogno L’ultimo appuntamento è per martedì 10 gennaio con ‘Paprika – sognando un sogno‘, un poliziesco fantascientifico – onirico tratto dal romanzo di Yasutaka Tsutsui, e presentato in concorso alla 63ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. In un futuro distopico, ma non troppo lontano, un’invenzione nota come ‘DC Mini’ permette agli psicoanalisti di immergersi nei sogni, e quindi nel subconscio dei propri pazienti in modo da conoscere e curare stati alterati e problematiche nascoste dell’io. Il capo dell’equipe che lavora al progetto, la dottoressa Atsuko Chiba, inizia ad adoperare la ‘DC Mini’ illegalmente per aiutare i suoi pazienti al di fuori dei laboratori di ricerca, celandosi nel mondo dei sogni con il suo alter-ego ‘Paprika’.

Biglietti Il costo per la singola proiezione è di 6,50, ma si può anche acquistare l’opzione per l’intera rassegna al prezzo di 20 euro.

I commenti sono chiusi.