Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 24 febbraio - Aggiornato alle 18:05

Perugia, Turreno restituito alla città entro fine 2023. Via alla gara per la progettazione dei lavori

Procedura si concluderà il 24 marzo Il cinema teatro riaprirà otto anni dopo la firma del protocollo d’intesa. Come cambieranno gli spazi

Il Turreno (©Fabrizio Troccoli)

di D.B.

A quasi sei anni dalla firma del protocollo d’intesa con cui Comune, Regione e Fondazione Cassa di risparmio di Perugia si impegnavano a riqualificare il glorioso cinema teatro Turreno, arriva la pubblicazione della gara per la progettazione dei lavori di recupero. Per partecipare alla gara, di rilevanza comunitaria, ci sarà tempo fino al 24 marzo prossimo con i lavori che dovranno essere terminati entro la fine del 2023. «Il bando – spiega il Comune – prevede l’affidamento dei servizi di progettazione definitiva, esecutiva e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e direzione lavori di rifunzionalizzazione, miglioramento sismico e adeguamento normativo dell’ex cinema teatro Turreno, per un importo complessivo di 524 mila euro».

L’ACCORDO REGIONE-COMUNE-FONDAZIONE

IL NODO CAPIENZA

Scoccia In una nota l’assessore all’Urbanistica Margherita Scoccia spiega che con la pubblicazione «si avvia concretamente il percorso per restituire lo storico complesso architettonico alla città. Obiettivo della progettazione dovrà essere la concretizzazione di una idea che restituisca l’immobile a una funzione di hub culturale, una sorta di agorà in grado di ospitare una molteplicità di attività ed eventi e, quindi, di dare la spinta necessaria alla vivacità culturale del centro storico. La sfida progettuale sarà quella di combinare la diversificazione delle iniziative con una maggiore flessibilità degli spazi esistenti, nel rispetto della tipologia architettonica del complesso edilizio».

VIDEO: VIAGGIO DENTRO IL TURRENO

Lavori e risorse L’assessore parla di «progetti e scopi ambiziosi per i quali sono necessarie elevate competenze specifiche e multidisciplinari, approfondite e aggiornate con la progettazione e ideazione di spazi culturali. È per questo – ha concluso – che abbiamo scelto di pubblicare una gara in cui sarà particolarmente premiante la qualità progettuale e l’innovazione». Per la riqualificazione sono stati investiti 4,8 milioni: in particolare 2,8 sono arrivati dalla Regione anni fa attraverso i fondi europei e il programma Agenda urbana, 1,4 dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia e 545 mila euro come cofinanziamento comunale.

IL PROGETTO DEL NUOVO TURRENO

Tempi Il protocollo era stato firmato nel luglio del 2015, con lavori che sarebbero dovuti terminare entro il 2020; poi una serie di ritardi, problemi e intoppi che hanno spostato l’orizzonte al novembre 2022 e, ora, entro la fine del 2023. Proprio entro il 2022 vanno obbligatoriamente rendicontate le somme relative ai fondi europei ma, già nel dicembre 2019, quindi ben prima del blocco del paese causa pandemia, i tecnici del Comune avevano spiegato che complice la complessità degli interventi potrebbe essere possibile uno slittamento di alcuni mesi.

I lavori Con il primo stralcio dei lavori, per il quale serviranno 3,9 milioni di euro, saranno realizzati tutti gli interventi strutturali sull’edificio: quelli edili e impiantistici e le opere per la rifunzionalizzazione e l’esercizio degli spazi, così da garantire la piena fruibilità degli ambienti teatrali; secondo il progetto approvato tempo fa, la capienza sarà pari a 750 posti seduti o 999 in piedi. Il secondo stralcio (600 mila euro) attiene gli interventi edili e impiantistici degli spazi della prima e seconda galleria, mentre il terzo (per 300 mila euro) riguarda il recupero della Turrenetta.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.