mercoledì 20 marzo - Aggiornato alle 18:30

Perugia intitola tre aree della città a Raffaele Rossi, Stelio Zaganelli e Alfredo De Poi

Via libera dalla giunta al percorso per dedicare strade o piazze a tre illustri personaggi della storia cittadina

Stelio Zaganelli

La giunta comunale di Perugia ha dato mandato all’assessore Dramane Wagué, presidente della commissione toponomastica, di avviare il percorso per l’intitolazione di tre aree della città, una strada, una via, una piazza o comunque un luogo simbolo a tre illustri personaggi che hanno valorizzato Perugia dal punto di vista storico, culturale, politico.

Raffaele Rossi Si tratta, innanzitutto, di Raffaele Rossi (1923-2010), politico e storico umbro, senatore per l’Umbria per tre legislature dal 1968 al 1979, nonché membro del Consiglio d’Europa, nella commissione cultura ed educazione. E’ stato vice sindaco del Comune di Perugia dal 1980 al 1987, consigliere comunale dal 1952 al 1956 e poi dal 1975 al 1980, e presidente per 18 anni dell’Istituto di storia contemporanea. A lui si deve l’istituzione della Festa Grande e del Consiglio Grande con l’obiettivo di consolidare l’identità della città.

Stelio Zaganelli Ed ancora verrà ricordato l’avvocato Stelio Zaganelli (1920-2011) uno degli assoluti protagonisti dell’attività forense perugina ed italiana ma anche sindaco di Perugia dal 1977 al 1980. Durante il suo mandato, tra le altre cose, venne restaurata la sala dei Notari di palazzo dei Priori ed appaltati i lavori per la realizzazione delle scale mobili all’interno della rocca Paolina. E’ stato altresì accademico di merito e medaglia di bronzo al valore militare. Dal 1972 è stato Vice presidente dell’associazione “Amici della musica” di Perugia.

Alfredo De Poi Infine il terzo personaggio è Alfredo De Poi (1945-2010), politico, dirigente d’azienda ed artista. E’ stato deputato presso il parlamento europeo e membro del Consiglio d’Europa, deputato nel Parlamento italiano per due legislature (1976 e poi 1979). Dal 1991 al 1999 è stato presidente della Camera di Commercio di Perugia. Nel 2001 è stato eletto Presidente della Fondazione Accademia belle arti di Perugia, mentre nel 2005 fu nominato accademico di merito dell’Accademia di Belle arti.

Giusto riconoscimento «Con queste proposte – hanno sottolineato il sindaco Andrea Romizi e l’assessore Dramane Wagué – vogliamo ricordare tre personaggi, cui siamo molto legati affettivamente, che hanno fatto la storia di Perugia contribuendo, ciascuno nel proprio campo, a valorizzare l’immagine della nostra città in ambito politico, forense, culturale ed economico. Un giusto riconoscimento per chi ha dedicato parte della propria esistenza al servizio delle Istituzioni e della città, rendendola protagonista in Italia e nel mondo. Di questo siamo a loro molto grati come amministratori e come cittadini».

I commenti sono chiusi.