Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 5 dicembre - Aggiornato alle 23:50

Perugia, il Comune cerca un partner privato per la valorizzazione del Cassero

Via libera mercoledì alla procedura di partenariato: «Andrà gestito insieme ai cittadini del Borgo». Contratto di nove anni

Il Cassero di porta Sant'Angelo

Il Comune di Perugia si mette alla ricerca di un partner privato per la «valorizzazione» del Cassero di Porta Sant’Angelo, una delle zone più note del centro storico cittadino. Con una delibera approvata mercoledì infatti la giunta ha deciso di approvare la procedura di partenariato, proposta dall’assessore alla Cultura Leonardo Varasano. L’aggiudicazione avverrà con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, tenendo però conto, della «qualità, sostenibilità e innovazione della proposta partenariale, nonché dell’esperienza maturata dal proponente». Il contratto durerà nove anni, con la possibilità di un rinnovo per altri tre, e l’avviso relativo alla manifestazione di interesse sarà pubblicato a breve.

Valorizzazione «L’obiettivo dell’amministrazione – dice Varasano – è individuare un soggetto terzo con le caratteristiche e competenza professionali necessarie ad assicurare la gestione e valorizzazione del bene culturale in sinergia con gli abitanti del borgo. Un passaggio necessario per lo sviluppo e la realizzazione del percorso progettuale approvato nell’ottobre 2020». L’anno scorso, infatti, aveva ricevuto il via libera in giunta il progetto «Borgo Sant’Angelo, tra tesori d’arte e creatività», anche per proseguire l’esperienza «Musìca: percorso didattico degli strumenti musicali antichi». Lo scopo principale «è mettere in sinergia i beni monumentali – conclude il Comune – e i soggetti che il Borgo d’Oro esprime per consolidare la vitalità della zona e mettere a disposizione di un più ampio pubblico i suoi numerosi tesori».

I commenti sono chiusi.