lunedì 17 dicembre - Aggiornato alle 06:31

Perugia, arriva lo “scienziato delle nanotecnologie”: il Nobel Jean-Pierre Sauvage alla Notari

Vincitore del Premio nel 2016 insieme a due colleghi, sarà in città il 4 maggio per un incontro e una lectio magistralis

Il Nobel Sauvage

Un altro Premio Nobel si appresta ad arrivare a Perugia. Venerdì 4 maggio alla sala dei Notari Jean-Pierre Sauvage, vincitore del Premio Nobel per la chimica nel 2016 assieme a Fraser Stoddart e Bernard Feringa, terrà un incontro pubblico per illustrare gli eccezionali risultati della sua intensa attività di ricerca alla base di molteplici applicazioni. L’incontro, ideato dal Museo della Scienza Post e realizzato in collaborazione con il Comune di Perugia e la Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, fa parte del progetto «Guardare lontano: sulle spalle del Nobel», presentato nel novembre scorso. Il professor Sauvage arriva a Perugia dopo altri due illustri colleghi e premi Nobel, i fisici Takaaki Kajita e Barry Barish, anche loro protagonisti di due seguitissime lezioni alla Notari. «Ma non finisce qui: altri due scienziati di fama mondiale – promette il Post – approderanno a Perugia nei prossimi mesi».

KAJITA ALLA NOTARI SULLE ONDE GRAVITAZIONALI
LA LEZIONE DI BARRY BARISH

Chi è «L’incontro, organizzato con il sostegno del Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università degli Studi di Perugia, porterà a Perugia – spiegano gli organizzatori – lo “scienziato delle nanotecnologie” che racconterà gli strepitosi risultati ottenuti grazie alle sue ricerche e alle sue intuizioni sulle macchine molecolari, strutture fatte da molecole che possono essere messe in movimento e che sono alla base di importanti future applicazioni tecnologiche. Sauvage e i colleghi sono stati infatti premiati nel 2016 a Stoccolma perché – come dichiarato dalla giuria – “hanno concepito e sviluppato molecole con movimenti controllabili, che possono svolgere un compito quando si aggiunge l’energia”. Una ricerca chiave per gli sviluppi futuri di nuovi materiali, sensori e sistemi di immagazzinamento e stoccaggio dell’energia. I tre ricercatori hanno, in pratica, dato il via per la realizzazione di dispositivi di dimensioni estremamente piccole ma con un grande potenziale di applicazione».

COSA SONO LE MACCHINE MOLECOLARI

Seminare conoscenza Come successo nelle altre occasioni, Sauvage incontrerà i sostenitori del Post alle 15 nella sede del museo. «Per il Post – spiega il professor Luca Gammaitoni, presidente della Fondazione Post – è un onore ed un privilegio ospitare il professor Sauvage. Sono molto contento che la città di Perugia abbia la splendida occasione di ascoltare direttamente da lui le più recenti scoperte in uno dei settori più promettenti e affascinanti della ricerca scientifica: un nuovo tipo di macchine, così piccole da essere invisibili alla vista ma così potenti da essere capaci di generare nuovi materiali e nuova tecnologia. È bello che il Museo della Scienza di Perugia renda possibili questi incontri che, come spesso accade, sono fonte di ispirazione per chi vi partecipa. È seminando conoscenza che si costruisce un futuro di sviluppo e cultura». Per chi volesse sottoscrivere la card del Post, informazioni sul sito del museo o allo 0755736501.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.