Quantcast
venerdì 17 settembre - Aggiornato alle 21:03

Perugia, arriva il Pride Village 2014: corso Cavour e Borgo XX Giugno diventano ‘Arcobaleno’

Corso Cavour

Bandierine colorate per aspettare l’apertura del Perugia Pride Village 2014, l’evento organizzato da Omphalos Arcigay Arcilesbica che si terrà sabato 28 e domenica 29 giugno ai Giardini del Frontone.

Giornata dell’orgoglio In occasione della Giornata mondiale dell’Orgoglio Lgbt (lesbico, gay, bisessuale e transessuale), che si celebra in tutto il mondo il 28 giugno di ogni anno, oltre 500 bandierine arcobaleno sono state installate  in corso Cavour e Borgo XX Giugno. I filari colorati, che addobberanno lo storico quartiere perugino per una settimana, faranno da cornice alle iniziative del Perugia Pride Village 2014.

Un segnale colorato «La bandiera arcobaleno a sei colori – spiegano i co-presidenti di Omphalos Arcigay Arcilesbica, Patrizia Stefani e Emidio Albertini – rappresenta in tutto il mondo i colori della comunità LGgbt (lesbica, gay, bisessuale e trans). Vederla sventolare in uno dei quartieri più importanti di Perugia è un segnale importante per le persone omosessuali e transessuali di questa città».

Verso il Village La giornata del “Pride” verrà celebrata in Italia in 13 grandi città (Torino, Milano, Venezia, Bologna, Perugia, Roma, Napoli, Alghero, Lecce, Reggio Calabria, Palermo, Catania e Siracusa) con manifestazioni ed eventi legati al tema dei diritti e dell’uguaglianza. Anche a Perugia, l’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica, la principale associazione umbra di promozione dei diritti e della cultura Lgbt, si è impegnata nella realizzazione del Perugia Pride Village, che dopo il successo della prima edizione, vuole ripetersi.

Due giorni di eventi «La seconda edizione del Perugia Pride Village – continuano i co-presidenti dell’associazione – è una due giorni di eventi ed iniziative di carattere culturale e politico, che vedrà la partecipazione di oltre 30 associazioni del territorio perugino. L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Perugia e della Regione Umbria, offrirà alla città un programma ricco di attività, dibattiti, presentazioni di libri, film, spettacoli e musica».

Notte Arcobaleno A fare da anteprima all’apertura del Pride Village è anche in programma una “Notte Arcobaleno”, che animerà le strade di Borgo Bello per tutta la notte di venerdì 27 giugno, organizzata insieme al Distretto del Sale con il patrocinio del Comune e della Fondazione Perugia 2019. In programma dalle 18 alle 24, la manifestazione è stata intitolata “Mezzanotte Arcobaleno nel Distretto del sale”. Inoltre il quartiere coglie l’occasione per rendere omaggio alla memoria ancora vivissima di Sergio Piazzoli, residente storico di Corso Cavour, nonché supporter e “suggeritore” delle attività del Distretto. Il programma si pone come un ponte ideale tra la cultura, l’arte di strada, l’intrattenimento e la convivialità con l’obiettivo di mantenere vivo e vitale un quartiere ricco di offerte culturali, commerciali, artigianali: tutto ciò attraverso una serie di piccoli eventi che si sviluppano lungo il percorso che va da S.Ercolano a S.Pietro, per l’occasione chiuso al traffico a partire dalle 18.00 (Corso Cavour) e dalle 20.00 (Borgo XX Giugno). Ecco alcuni dei momenti principali:

due mostre: “Paesaggi invisibili” di Paolo Grimaldi presso il Nanà, e “Sincretismi” di Claudio Bianconi presso il T-Trane; due documentari/racconti: “Teatro rifugio” dei registi Gabriele Anastasio e Danilo Cremonte presso Palazzo della Penna, e “Storie dei movimenti omossessuali” di Michele Bellaveglia presso la Carbonaia del Cinema Zenith; una visita guidata al “patrimonio invisibile” di S.Domenico, incluse le spettacolari soffitte; una azione teatrale itinerante appositamente ideata ed inscenata dal Teatro di Sacco tra Piazza Giordano Bruno ed il cortile della Sala Cutu; un progetto di Community Dance, ovvero un flash-mob di strada, messo in scena da oltre cinquanta figuranti coordinati da Rita Petrone; un “corner” appositamente allestito in Piazza Giordano Bruno come punto di informazione per occasioni di formazione gratuita, progetti europei; un set fotografico itinerante. E inoltre, spettacoli di strada, animazioni e, soprattutto, concerti con una menzione speciale per il gruppo multi-etnico dei Teranga, in gran parte senegalesi di Dakar di stanza a Bruxelles, che si esibiranno per la prima volta in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.