sabato 15 dicembre - Aggiornato alle 12:20

Perugia, al Brecht lo spettacolo ‘Minos’ contro il bullismo nelle scuole

Protagonisti atleti di varie società sportive cittadine. Spettatori gli studenti di scuola primaria e secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo Perugia 7

Gli studenti di scuola primaria e secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo Perugia 7 sono stati spettatori dello spettacolo Minos al teatro Brecht martedì 4. L’esibizione rientra nell’ambito delle attività delle politiche giovanili svolte dal servizio Informagiovani del Comune di Perugia per i temi affrontati, legati al bullismo e al disagio giovanile.

Sul palco Gli interpreti sono stati Letizia Catanuto, Adrian Petrea, Alice Peruzzi, Michele Rosati e Nicola Rosignoli. Musiche eseguite all’arpa da Rachele Spingola. Hanno collaborato poi Asd Pegaso con le ginnaste Angelica Liberti, Milena Papi e Lucrezia Tufo; il Cus Perugia asd con gli atleti del judo, pugilato e karate Alessio Ansuini, Andrea Bagnetti, Andrea Casciarri, Alessandro Lippi Boncambi, Andrea Lupattelli, Flavia Nicolai, Carlo Pacifici e Leonardo Suvieri; Agon Perugia asd con gli atleti della lotta olimpica.

Minos Lo spettacolo “Minos, viaggio nel mito olimpico fra lotta e danza, recitazione e musica” è una rivisitazione della leggenda del Minotauro. In Minos viene descritta la condizione umana, che si dipana fra i sentieri a volte luminosi e a volte oscuri della realtà, come in un viaggio compiuto da alcuni giovani all’interno del labirinto. Nella vicenda narrata, i giovani guidati da Teseo, devono affrontare Minos, il minotauro, che simboleggia il lato oscuro di ogni essere umano. Al colmo della disperazione, i piccoli eroi giungono al centro dell’arcano nel loro tempio interiore dove s’incontrano con il loro alter ego, per trovare sé stessi. Questo spettacolo, che è realizzato dall’Associazione sportiva dilettantistica Agon, pone la danza e la lotta olimpica come strumento per fare arrivare il messaggio educativo che proviene dai saggi maestri del passato: rispetto, controllo dell’aggressività e equilibrio psichico e comportamentale.

I commenti sono chiusi.