Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 25 maggio - Aggiornato alle 11:08

Nuove sorprese per ‘Suoni controvento’: Einaudi, Branduardi e Giovanni Truppi

Le note del pianista e del menestrello in scena tra le meraviglie della suggestiva Area archeologica di Carsulae a Terni. Il cantautore atteso invece a Villa Fabri di Trevi

Giovanni Truppi (foto Zoppellaro)

di D.N.

Continua a inserire tasselli al ricco cartellone della sua sesta edizione il festival estivo di arti performative Suoni Controvento, che si realizza grazie al contributo della Regione Umbria e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. L’Associazione AUCMA annuncia due appuntamenti, realizzati in collaborazione con la Direzione regionale Musei Umbria, Comune di Terni e Comune di San Gemini, che si terranno quest’estate all’interno dell’Area archeologica di Carsulae a Terni e che assumono particolare importanza in quanto uno dei due concerti coincide con la fine dei tre anni di dei lavori di recupero e di valorizzazione di quello che è uno dei più importanti e meravigliosi monumenti archeologici dell’Umbria, l’Anfiteatro Romano. Inoltre, il Tour estivo di Giovanni Truppi, organizzato da Ponderosa Music & Art, approderà anche in Umbria il 26 agosto a Villa Fabri a Trevi. Prevendite su circuito TicketItalia e TicketOne. Sito ufficiale Suoni Controvento www.suonicontrovento.com.

Einaudi e Branduardi Il 31 luglio arriva sul prato di fronte all’Arco di San Damiano una tappa di Underwater summer tour 2022 di Ludovico Einaudi, tour estivo del maestro tra natura e storia umana. Un appuntamento a cielo aperto in cui ad accompagnarlo saranno Redi Hasa al violoncello, Federico Mecozzi al violino e Francesco Arcuri, elettronica e percussioni. In scena un invito a fondere l’esperienza musicale con il paesaggio naturale, sotto i cieli stellati di teatri meravigliosi fatti di pietra e di alberi. Il 28 agosto a inaugurare i concerti a cielo aperto dell’Anfiteatro Romano sarà Angelo Branduardi con Camminando, camminando in due. Accompagnato da Fabio Valdemarin, il maestro condurrà il pubblico in uno splendido viaggio tra brani famosi e brani meno conosciuti, senza dimenticare i classici che rimangono da anni indelebili nell’immaginario collettivo.

Anfiteatro romano «Il concerto del 28 agosto, realizzato nell’ambito di “Suoni Controvento” – commenta Silvia Casciarri, direttore dell’Area archeologica di Carsulae – sarà un’occasione per poter ritrovare gli spazi dell’anfiteatro romano, riportato finalmente alla luce dopo i lavori di scavo, recupero e valorizzazione di questo importante monumento archeologico; lavori durati circa tre anni e rientranti in un progetto fortemente voluto e finanziato dalla Direzione Regionale Musei Umbria, di concerto con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria. L’anfiteatro fu realizzato un periodo appena successivo a quello del teatro (metà I sec. d.C.) entrambi posti nel settore est del centro urbano di Carsulae; il suo recupero funzionale, grazie anche alla creazione e all’ampliamento di nuovi percorsi di accessibilità di tutta l’area degli spettacoli, restituisce alla comunità un nuovo splendido spazio che potrà essere utilizzato anche per eventi culturali di grande suggestione, assieme agli spazi del teatro romano, in un’ottica di valorizzazione complessiva di questo contesto archeologico unico e straordinario dalla forte valenza culturale per tutta la comunità e il suo territorio».

Truppi a Trevi «Sono felicissimo di ospitare per il secondo anno consecutivo una manifestazione di grande interesse e prestigio culturale come Suoni Controvento – commenta il sindaco di Trevi Bernardino Sperandio – che quest’anno porterà, nella splendida cornice di Villa Fabri, le note di Giovanni Truppi, reduce dal grande successo di Sanremo». Ad accompagnarlo sul palco una formazione rinnovata composta da Alessandro “Asso” Stefana (Vinicio Capossela, PJ Harvey, Guano Padano, Mike Patton) alla chitarra, Fabio Rondanini (Calibro 35) alla batteria e Luca Cavina (Calibro 35) al basso. In scaletta troveranno spazio tanti brani della decennale carriera del cantautore napoletano, a partire dalle canzoni contenute nell’antologia “Tutto L’Universo” (Virgin Records/Universal Music Italy), un compendio della sua essenza artistica che contiene anche il singolo presentato al 72esimo Festival di Sanremo “Tuo padre, mia madre, Lucia” e che il 13 maggio uscirà in una speciale edizione in doppio vinile contenente anche “Nella mia ora di libertà”, cover del brano di De André interpretata insieme a Vinicio Capossela con la speciale partecipazione di Mauro Pagani, e una pubblicazione curata da Andrea Colamedici di Tlon. Ma non solo, il pubblico avrà la possibilità di ascoltare dal vivo anche molti pezzi inediti, che riveleranno in anteprima le nuove strade artistiche, come sempre mai scontate, che Giovanni sta percorrendo. Un’occasione preziosa per poter ascoltare la musica passata, presente e futura di Truppi, e apprezzarne la magia nel modo migliore: dal vivo. La sua abilità come musicista, che sia al pianoforte o alla chitarra, e il suo magnetismo come performer si affiancano e completano infatti da sempre la sua rara capacità di scrittura e composizione. Il suo è un carisma raro, pronto a portare lontano l’ascoltatore, accompagnandolo in un viaggio musicale vario e in costante evoluzione, capace di attingere da linguaggi diversi come il jazz, il rock, il punk e la canzone d’autore e unendoli a un’inventiva metrica e a parole capaci di tratteggiare universi straordinariamente umani e sfaccettati, di scavare a fondo tra i sentimenti, anche quelli più dolorosi, per poi risollevarsi abilmente tra ironia e idealismo.

Montone Non finiscono qua le nuove sorprese di Suoni Controvento. Anche il borgo di Montone entra tra le fila del festival estivo e il prossimo 31 luglio alle 21 arriva nella splendida Rocca di Braccio una tappa del tour estivo di Roberto Mercadini e Guido Catalano “Cose che Non Avremmo Sperato di Potervi Dire”. Due schegge impazzite percorrono ciascuna la sua imprevedibile traiettoria, ma possono pur sempre incrociarsi. Due cani sciolti non hanno padroni né un branco; ma possono, liberamente, percorrere un tratto di strada correndo fianco a fianco. Due errori del sistema, possono trovare una imprevedibile armonia. Così Guido Catalano e Roberto Mercadini, esseri simili e complementari, opposti e analoghi, raccontano le loro solitarie vicissitudini e la loro lunga amicizia, fra palesi somiglianze e altrettanto palesi differenze. Memorie, confessioni, racconti, poesie, favole, miti, pianti, risate, amori, odii, sfrenata esuberanza e toni di ineccepibile sobrietà.

I commenti sono chiusi.