giovedì 22 ottobre - Aggiornato alle 02:02

«Il nome della rosa», dopo le riprese a Perugia e Bevagna la serie arriva su Rai 1 a marzo: il trailer

Le otto puntate dirette da Giacomo Battiato andranno in onda dal 4 al 25. Sarà uno degli eventi di punta della stagione televisiva

Il rogo di Pietro da Todi girato in piazza IV Novembre (foto F.Trocoli)

Otto puntate divise in quattro serate dal 4 al 25 marzo. Andrà in onda su Rai 1 tra pochi giorni «Il nome della rosa», tra le produzioni più attese di questa stagione televisiva. Alcune scene, in particolare quella del rogo di Pietro da Todi, sono state girate nel centro storico di Perugia (circa 150 le comparse selezionate) ,mentre altre a Bevagna. La troupe e gli attori hanno lavorato in piazza IV Novembre per alcuni giorni all’inizio di maggio, girando la scena del rogo di Pietro da Todi. La serie, una co-produzione italo-tedesca tra Tele Muenchen, 11 Marzo Film, Palomar, Rai Fiction e un budget da 27 milioni di dollari, è stata diretta da Giacomo Battiato (aiuto regista il perugino Luca John Rosati) ed è tratta dal celeberrimo romanzo di Umberto Eco.

VIDEO: IL ROGO IN PIAZZA IV NOVEMBRE

FOTO: EVERETT E TURTURRO A PERUGIA

Il cast Nel cast spiccano in particolare due nomi, quelli di John Turturro e di Rupert Everett: il primo interpreta Guglielmo da Baskerville mentre il secondo l’inquisitore Bernardo Gui. Nel cast anche Sebastian Koch, James Cosmo, Richard Sammel, Damien Hardung nei panni di Adso da Melk, apprendista di Gugliemo, e Michael Emerson in quelli di Abbone da Fossanova. Non mancano anche diversi volti noti del panorama cinematografico italiano come Fabrizio Bentivoglio, Greta Scarano, Stefano Fresi e Piotr Adamczyk, che negli anni scorsi è ha interpretato Papa Wojtyla in «Karol: un uomo che divenne Papa».

I commenti sono chiusi.