Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 15:20

Nei teatri umbri in scena ‘La signorina Giulia’, nuova produzione dello Stabile dell’Umbria

Regia di Leonardo Lidi, uno dei più apprezzati degli ultimi anni. Recite in programma a Narni, Perugia, Terni, Gubbio, Spoleto, Todi e Magione

La Signorina Giulia (foto Lorenzo Porrazzini)

di D.N.

Dopo il grande successo ottenuto al Festival dei Due Mondi di Spoleto arriva nei teatri umbri LA SIGNORINA GIULIA di August Strindberg, con Giuliana Vigogna, Christian La Rosa, Ilaria Falini, l’adattamento e la regia di Leonardo Lidi, uno degli artisti più apprezzati del teatro degli ultimi anni, che ha vinto a soli trentadue anni il Premio della Critica 2020 dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro. Anche questo spettacolo, come La città morta, presentato recentemente al teatro Morlacchi, è prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria, in continuità con la sua vocazione a sostenere e accompagnare i giovani talenti.

Recite La prima data umbra è prevista al Teatro Comunale di Narni domenica 21 novembre alle 21, le recite proseguiranno poi al Teatro Morlacchi di Perugia dal 24 al 28 novembre, dal 30 novembre al 3 dicembre al Secci di Terni, il 5 dicembre al Teatro Ronconi di Gubbio, il 7 dicembre al Teatro Menotti di Spoleto, domenica 12 dicembre al Comunale di Todi, per finire domenica 27 febbraio al Mengoni di Magione.

Spettacolo Lidi affronta i testi sacri smembrando e ricomponendo la progressione temporale per rivelarne nuove e insolite pieghe interpretative, coerente con un ideale di teatro di parola. “Dopo Spettri, Zoo di Vetro, Casa di Bernarda Alba, La Città Morta, Fedra continuo la mia ricerca sui confini autoimposti dalla mia generazione, – dice Lidi – consapevole che il concetto di lockdown ora interroga lo spettatore quotidianamente sui limiti fisici e mentali della nostra esistenza. La Signorina Giulia è considerato il capostipite del movimento europeo detto “naturalismo” e August Strindberg, spigoloso e violento, in Italia spesso subisce la semplificazione della verità. Se è vero che l’opera di Strindberg fa parte della nuova formula di Zola “rendere vero, rendere grande e rendere semplice” non bisogna scordare le grandi incoerenze, l’incapacità del normale, e la enorme statura teatrale dell’immorale drammaturgo svedese. Tre orfani vivono uno spazio dove è impossibile non curvarsi al tempo, dove la vita è più faticosa del lavoro, in una casa ostile da dove tutti noi vorremmo fuggire. Nell’arco di una notte capiamo come gestire questa attesa, prima della fine, cercando di ballare, cantare e perdersi nell’oblio per non sentire il rumore del silenzio; se nella
macabra attesa del Finale di Partita o nell’aspettare Godot sono i morti e i vagabondi a dover gestire il nulla, in Strindberg sono i figli a dover subire l’impossibilità del futuro. Nello spavento del domani l’unica stupida soluzione è
quella del gioco al massacro, il cannibalismo intellettuale. L’inganno. Il Teatro. Julie: Ottimo Jean! Dovresti fare l’attore”.

Incontro e biglietti La Compagnia incontrerà il pubblico al Teatro Morlacchi di Perugia, giovedì 25 novembre alle 17,30 e a Terni, giovedì 2 dicembre alle ore 17, presso la Biblioteca Comunale. Per accedere a teatro è necessario il Green Pass. Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita. E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

I commenti sono chiusi.